QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Valle dei Laghi: il DiVinNosiola Trail Running incorona Varesco e Menestrina‏. Le classifiche

domenica, 24 aprile 2016

Vezzano – Francesco Trenti, Anna Zambanini, Christian Varesco e Simonetta Menestrina: è questo il poker di nomi che inaugura l’albo d’oro del «DiVinNosiola Trail Running», la nuova gara podistica lanciata per valorizzare le eccellenze ambientali e agroalimentari della Valle dei Laghi.corsa montagna divin

I due portacolori dell’Atletica Clarina si sono imposti nella gara “short trail”, lunga 21 chilometri, quello della Cornacci e la runner dell’Atletica Trento hanno messo tutti alle spalle nel “trail”, lungo 35 chilometri. Si è trattato, per tutti, corridori e organizzatori, di una prima volta, affrontata con curiosità da tanti podisti, desiderosi da una parte di testare la propria condizione ad inizio stagione, dall’altra di scoprire il grado di difficoltà di questa new entry nel calendario nazionale, che ha portato addirittura i concorrenti all’interno di quattro cantine, dove si producono il vino Nosiola e il Vino Santo.corsa montagna

Alle 9,30 i 210 partenti sono scattati dal teatro di Vezzano, una sessantina dei quali destinati a correre per 35 chilometri, gli altri per 21. Hanno subito affrontato il tratto nel bosco, che li ha portati a Castel Madruzzo, passaggio suggestivo dove ancora il gruppo si è mostrato abbastanza compatto. Poi sono scesi verso la Cantina Pravis, dentro la quale si sono inoltrati, per attraversare in seguito Lasino e salire verso il versante opposto della valle, in cima al quale le due carovane si sono divise: quelli che hanno preso parte alla gara più corta si sono tuffati verso Pergolese e la cantina Pisoni, gli altri hanno invece proseguito in quota, godendosi la vista del Lago di Cavedine in basso alla propria destra.vincitori 1

A questo punto nella gara “trail” Christian Varesco e Luca Miori erano ancora insieme, in virtù del recupero dell’atleta di casa, portacolori del Gs Fraveggio, capace di rintuzzare l’avvio bruciante di Varesco. Lo stesso è accaduto nella gara femminile, dove Simonetta Menestrina e Lorenza Beatrici, anch’essa a proprio agio fra i tracciati di casa indossando la canotta del Gs Fraveggio, continuavano a fare coppia fissa in testa. Fra gli atleti che si sono diretti verso Pergolese per contendersi il podio della “short” Francesco Trenti aveva già preso in via definitiva il sopravvento sugli avversari, in particolare su Enrico Cozzini (dell’Atletica Clarina, ma residente in zona) ed Emiliano Mazzarini dell’Ssd Tremalzo, i quali avevano già realisticamente deciso di concentrarsi sulla sfida per l’argento. Fra le ragazze, già lanciata verso il successo appariva a questo punto Anna Zambanini, che vantava diversi minuti di vantaggio su Lucia Filippi (Atletica Valle di Cembra), a sua volta in netto vantaggio su Francesca Setti (G.S. Orecchiella).vincitori 2

Gli atleti della gara più corta hanno rapidamente raggiunto Ponte Oliveti, attraversando la verde piana lungo il Rimone, il canale che collega il Lago di Cavedine a quello di Toblino, poi hanno costeggiato questo secondo bacino, hanno raggiunto Padergnone e si sono inerpicati verso Fraveggio dopo aver costeggiato il lago di Santa Massenza e aver perlustrato la Cantina Poli. Infine si sono calati nuovamente verso il traguardo di Vezzano, dove Francesco Trenti si è presentato 1 ora e 31 minuti dopo il via, con un vantaggio di 4 minuti su Cozzini e di 5 su Mazzarini. Dietro questo terzetto ecco arrivare tre runner dell’Atletica Trento, quali Luca Ventura, Tommaso Caldonazzi e Jonathan Wyatt, padrino della manifestazione insieme ad Antonella Confortola, che ha preso il via ma senza correre per la classifica ufficiale. Arrivo a braccia alzate senza patemi per Anna Zambanini, con il tempo di 1 ore e 59 minuti, 7 minuti e 46 secondi prima di Lucia Filippi e quasi 9 su Francesca Setti. Quarto posto per l’atleta di casa Maddalena Sartori, del Fraveggio.vincitori 3

Gli atleti in gara nella 35 chilometri sono quindi scesi all’imboccatura del Lago di Cavedine e lo hanno costeggiato in quota dall’altra parte della valle fino all’imbocco del Rimone, per poi proseguire all’interno della cantina Pedrotti e riprendere il tracciato della gara “short trail”. Nel tratto poco prima di Pergolese Varesco ha lanciato l’attacco, costruendosi un vantaggio di una cinquantina di metri su Miori, rimasto tale fino a Maso Torresela, dove una piccola crisi del secondo ha definitivamente separato i due. Varesco è giunto al teatro di Vezzano 2 ore e 29 secondi dopo la partenza, distanziando Miori di 2 minuti e 18” e Fabrizio Frigerio (Atletica Lecco Colombo) di ben 12 minuti. Al quarto posto troviamo Emilio Pasqualini (portacolori della società organizzatrice Charly Gaul) e al quinto un altro corridore del G.S. Fraveggio, Fabrizio Pouli. Fra le ragazze Simonetta Menestrina giunge sul traguardo in 2 ore e 59 minuti, gestendo un margine di 3 minuti e mezzo su Lorenza Beatrici, mentre la terza, Barbara Fava (Gardasportevents) paga 50 minuti di distacco.vincitori 4

Per quanto riguarda le singole categorie, nella gara lunga 21 chilometri successi di Davide Miori e Anna Zambanini fra i Master-A (fino al 1967), di Jonathan Wyatt e Chiara Damiani fra i Master-B (fino al 1966), di Romano Oss fra i Master-C (dal 1956 all’indietro). Nella gara lunga 35 chilometri si sono imposti Johnny Bolognani e Silvia Goffi fra i Master-A, Francesco fait e Simonetta Menestrina fra i Master-B.

Archiviata con soddisfazione questa prima edizione l’Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e l’Asd Charly Gaul Internazionale possono già guardare al consolidamento di questo nuovo brand, dotato di ottime potenzialità turistiche, ringraziando per la preziosa collaborazione il Gs Fraveggio, che ha curato la parte tecnica del tracciato di gara e dell’Associazione Vignaioli Vino Santo Trentino D.O.C.

Le dichiarazioni dei protagonisti del primo DiVinNosiola Trail Running

CHRISTIAN VARESCO (primo classificato gara lunga)
«Sono partito forte cercando il mio limite, conscio che avrei anche potuto andare in difficoltà, invece stavo bene ed ho gestito al meglio le mie energie. Ho staccato Luca Miori nei primi chilometri, poi mi è tornato sotto ed abbiamo percorso alcuni chilometri assieme. Negli ultimi 15 ho provato a forzare, staccando il rivale e tenendo fino al traguardo. Davvero bello il percorso, con passaggi accanto ai laghi e all’interno delle cantine. Particolare».

LUCA MIORI (secondo classificato gara lunga)
«Pur abitando in queste zone ho potuto apprezzare alcuni scorsi del percorso molto suggestivi. Mi sono reso conto di vivere in una valle molto bella e complimenti ai tracciatori del Gs Fraveggio per la scelta degli itinerari. Per quanto riguarda la mia prova, ho percorso due terzi di gara con Varesco, quindi poco prima di Pergolese lui ha allungato e si è guadagnato una cinquantina di metri di vantaggio, però nei pressi di Maso Toresela ho accusato una piccola crisi ed ho perso terreno. Poi ho recuperato le energie e sono riuscito a tenere un ritmo, chiudendo con un buon tempo. Sono soddisfatto della mia prestazione».

FRANCESCO TRENTI (primo classificato gara corta)
«Siamo partiti tutti assieme ed ognuno dei primi ha tenuto il proprio ritmo, chiudendo sul podio. La gara era relativamente veloce, pur presentando un certo dislivello, che alla fine si è fatto sentire nelle gambe. La forma non era al top in questo inizio stagione, ma quando si vince va sempre bene. Un plauso davvero per la scelta del percorso, peccato per il vento nell’ultimo tratto. Una fatica in più».

ENRICO COZZINI (secondo classificato gara corta)
«È andata anche troppo bene, per essere un inizio stagione. Finora mi sono preparato per distanze attorno ai 50 minuti, non così significative, patendo nel finale. Per fortuna avevo un buon vantaggio sul terzo e sono riuscito ad amministrare il distacco. Complimenti agli organizzatori per il tracciato, con sentieri percorribili, saliscendi e salite abbastanza corte. Un giusto mix».

EMILIANO MAZZARINI (terzo classificato gara corta)
«Siamo partiti molto veloci e non è stato facile mantenere il ritmo. A metà gara ho cercato di recuperare e sono andato fuori giri, faticando un po’. Nel finale ho provato ad ridurre il distacco, ma sono rimasto attardato di una cinquantina di secondi come a metà gara. Bella gara e se l’avessi provata prima probabilmente mi sarei gestito meglio».

SIMONETTA MENESTRINA (prima classificata 35 km)
«Sono felicissima, non pensavo di andare così forte, anche perché sapevo che Lorenza Beatrici era in buona forma e la temevo. Siamo state assieme sino a 5 km dal traguardo, quando ho provato ad aumentare il ritmo, staccandola, su un percorso che si addiceva alle mie caratteristiche. Meglio di così non poteva davvero andare. Nonostante la fatica mi sono anche goduta il percorso e il panorama, nonché i passaggi nelle cantine. Spero davvero che questa gara abbia un futuro importante. Ha tutte le caratteristiche per diventare una competizione top.»

LORENZA BEATRICI (seconda classificata 35 km)
«Sono molto soddisfatta della mia gara e il percorso è risultato particolarmente bello. Sono partita con cautela perché la lunghezza non era da sottovalutare. Ho affrontato gran parte del tracciato assieme a Simonetta, poi lei nel finale ha allungato e non sono riuscita a tenere il suo ritmo. Però va bene così. Complimenti alla Menestrina che ha fatto una gara eccezionale. Percorso che conosco, essendo le mie zone, e che mi sono gustata».

ANNA ZAMBANINI (prima classificata 21 km)
«Il tracciato lo conoscevo molto bene e probabilmente un tantino questo mi ha avvantaggiato, uno sviluppo nervoso, con passaggi suggestivi. Ho fatto il mio ritmo. All’inizio vedevo davanti a me Antonella Confortola, anche se ha solo fatto da madrina all’evento, ma è stato un riferimento importante.  Nel finale ho un po’ faticato, perché la distanza era impegnativa rispetto al mio allenamento. Non posso che essere soddisfatta per questo risultato, direi inatteso».

ELDA VERONES (presidente Comitato organizzatore)
«Questa gara è nata con l’obiettivo di valorizzare un territorio stupendo come quello della Valle dei Laghi e allo stesso tempo di innovare un evento enoico come DiVin Nosiola, giunto quest’anno alla settima edizione. Penso che ci siamo riusciti, anche per il numero degli iscritti, ben 250, con oltre il 50% proveniente da fuori provincia. Ci sono giunti tanti complimenti per il percorso e per questo voglio ringraziare il Gs Fraveggio che si è occupato dell’aspetto tecnico. Un grazie poi ai tanti volontari, ai privati che ci hanno consentito di far transitare la gara nei vigneti, quindi alle Cantine, che hanno sposato la nostra manifestazione, e a tutti i collaboratori. Una bellissima gara che avrà un futuro importante».

CLASSIFICHE
DiVinNosiola Trail Running

Classifica generale femminile
Gara Trail
1 – Menestrina Simonetta
2 – Beatrici Lorenza
3 – Fava Barbara
4 – Goffi Silvia
5 – Coltri Angela
6 – Mussetta Sara
7 – Nardin Anna
8 – Gandolfi Cecilia

Classifica generale maschile
Gara Trail
1 – Varesco Christian
2 – Miori Luca
3 – Frigerio Fabrizio
4 – Pasqualini Emilio
5 – Pouli Fabrizio
6 – Fait Francesco
7 – Bolognani Yohnny
8 – Ercolani Graziano
9 – Frizzera Michele
10 – Fedrizzi Walter

Classifica generale femminile
Gara Short Trail
1 – Zambanini Anna
2 – Filippi Lucia
3 – Setti Francesca
4 – Sartori Maddalena
5 – Marchi Desire
6 – Damiani Chiara
7 – Zamboni Irene
8 – De Martin Eszter

Classifica generale maschile
Gara Short Trail
1 – Trenti Francesco
2 – Cozzini Enrico
3 – Mazzarini Emiliano
4 – Ventura Luca
5 – Caldonazzi Tommaso
6 – Wyatt Jonathan Craig
7 – Pagotto Adriano
8 – Zorzi Massimo
9 – Battocletti Giuliano


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136