QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Universiadi, intesa tra Provincia di Trento e Comuni

mercoledì, 26 giugno 2013

Trento – Universiadi, ecco il piano della Provincia autonoma e degli enti locali. E’ stato il protocollo d’intesa che riguarda gli interventi relativi all’organizzazione dell’Universiade invernale Trentino 2013 che coinvolgono gli enti locali. A sottoscriverlo l’assessore provinciale all’urbanistica, enti locali, personale, lavori pubblici e viabilità, Mauro Gilmozzi, il presidente del Comitato organizzatore dell’Universiade invernale 2013, Sergio Anesi, il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, il vicepresidente della Comunità territoriale della Val di Fiemme, Gustavo Giacomuzzi in rcachet_DSC_1332appresentanza del presidente Raffaele Zancanella, la presidente del Comun General de Fascia, Cristina Donei e il presidente della Comunità Alta Valsugana e Bersntol, Mauro Dallapiccola. “E’ un momento importante – ha sottolineato l’assessore Gilmozzi – e la conferma della collaborazione tra i territori, in questo caso ben tre Comunità e il Comune di Trento che mettono a regime il finacachet_DSC_1326nziamento della Provincia e il decisivo apporto del Comitato a sua volta supportato dalla forza trainante del volontariato. Sono investimenti importanti che ricadono sul territorio, in una logica come sappiamo low cost cui è informata tutta l’Universiade e che comunque rende attuabile un grande appuntamento. Un altro passo per arrivare all’appuntamento dell’11 dicembre, nuova straordinaria occasione di visibilità e di crescita per tutto il Trentino”.

Mancano ormai poco più di cinque mesi all’appuntamento con l’Universiade Invernale 2013, evento di rilievo internazionale nella cui organizzazione è impegnata la Provincia autonoma di Trento, insieme all’università e agli enti locali coinvolti nelle diverse iniziative in programma. Il Trentino è da tempo impegnato nella valorizzazione del proprio territorio attraverso interventi che garantiscano ricadute in termini di valore aggiunto e di valorizzazione delle proprie risorse tra i quali anche la scelta di accogliere iniziative sportive di grande rilievo legate agli sport invernali. Alla manifestazione sportiva, che come noto si svolgerà dall’11 al 21 dicembre prossimi, hanno dato la loro adesione già 51 nazioni – il record assoluto è di 52 e si conta dunque di batterlo – che rappresentano tutti cinque i continenti per un totale di circa 3000 tra atleti, tecnici e dirigenti. Un traguardo reso possibile sia dalla consolidata fama internazionale di cui gode il Trentino in campo organizzativo, sia dalle bellezze ambientali delle località presenti sul nostro territorio.
In vista di una piena riuscita della manifestazione sportiva, si è ritenuto fondamentale il coinvolgimento nell’organizzazione degli enti pubblici sul cui territorio sono programmate le gare e le iniziative collaterali alla manifestazione:  il Comune di Trento per i siti di gara Monte Bondone (snowboard, freestyle) e Palaghiaccio (pattinaggio figura, pattinaggio short track) e per la cerimonia di apertura;  la Comunità Alta Valsugana e Bersntol per i siti di gara Ice Rink Pinè (pattinaggio velocità, curling) e Palaghiaccio di Pergine Valsugana (hockey femminile);  la Comunità territoriale della Val di Fiemme per i siti di gara Stadio del Salto di Predazzo (salto, combinata nordica salto), Stadio del fondo di Tesero (fondo, combinata nordica fondo) e Palaghiaccio di Cavalese (hockey maschile);  il Comun General de Fascia per i siti di gara Pista Alloch Pozza di Fassa (sci – gigante e slalom), San Pellegrino Moena (sci – discesa libera e super gigante), Palaghiaccio Canazei(hockey maschile e cerimonia di chiusura).
Il coinvolgimento diretto delle comunità territoriali nell’organizzazione del grande evento sportivo è fattore indispensabile per preparare l’ “Universiade” della comunità dei cittadini quale significativa apertura del territorio alla cultura internazionale e nel contempo alla conoscenza per atleti, tecnici, delegazioni delle peculiarità del nostro Trentino.
E’ in virtù di tali considerazioni che si è ritenuto utile formalizzare l’accordo, tra la Provincia autonoma di Trento, il Comitato organizzatore dell’Universiade e gli enti che rappresentano il territorio, che definisce le azioni e gli interventi a carico degli Enti territoriali a supporto delle attività necessarie per l’organizzazione dell’evento sportivo (utilizzo degli impianti sportivi, sicurezza durante lo svolgimento delle gare e più in generale azioni di supporto all’organizzazione dell’evento). Tali interventi potranno essere realizzati direttamente o mediante il coinvolgimento degli enti e delle associazioni presenti sul rispettivo territorio.
Le spese programmate nel piano operativo relativo agli enti locali, pari a complessivi Euro 1.536.700,00, sono coperte per intero dalla Provincia a valere sui fondi della finanza locale ed in particolare sul fondo sviluppo locale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136