QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tour de France: il Col d’Izoard tappa regina del 2017

venerdì, 16 giugno 2017

Briancon – Si avvicina il Tour de France – in programma dal 1 al 23 luglio, e una delle tappe regina sarà il Col d’Izoard scalato dai ciclisti il prossimo 20 luglio. Un grande appuntamento, ecco il commento di Christian Prudhomme (nella foto © Pat Domeyne), direttore del Tour de France: ”Sul Col d’Izoard c’è una statua, un setting unico, specialmente il Casse Déserte che ingrandisce gli atti di valore dei campioni. Il 20 luglio spettatori ed osservatori saranno capaci di scoprire un luogo della bellezza insolita così come la posizione che occupa nella storia del Tour de France. È molto di più di un simbolo il Col d’Izoard”.Proudhomme

Oltre alla tappa del Tour ci sarà il passaggio dei ciclisti de Tour de la Route, un marchio che gli organizzatori pensano a far crescere e diventare una referenza per ciclisti dilettantistici che si misurano contro le strade di montagna del Grande Boucle specialmente, la scalata sul Col d’Izoard fu annunciata da molti personaggi prestigiosi. Durante la ricognizione di questi giorni, con una vista sulla tappa del 20 luglio, Romain Bardet e Pierre Latour hanno fatto la salita e una chiacchierata sul Col d’Izoard con Bernard Thévenet, uno di pochi cavalieri che l’hanno addomesticato. “Sarà una giornata speciale per ciclisti e appassionati delle due ruote”, hanno dichiarato.

La storia
Philippe Thys, belga è stato il primo ciclista  ”cavaliere di Francia” ad arrivare primo in cima nel 1922. Da allora il Tour de France è stato scalato 33 volte. Gli scalatori principali sono stati Coppi (1949 -1951), Bahamontes (1958 -1962) e Merckx (1972). Nessuno mai ha vinto comunque lassù, ma il vero palcoscenico sarà il 20 luglio, con la 18esima tappa del Tour de France. Questo climax scenico e senza precedenti alla cima del passaggio si richiama ad altre prestigiose tappe del Tour de France, ad esempio l’Aubisque di Col nel 2007, il Col del Tourmalet nel 2010 o il Galibier nel 2011.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136