Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sul Garda la vela è ripartita: intervista a Rodolfo Bergamaschi, presidente XIV zona

domenica, 14 giugno 2020

Salò – La vela è ripartita sia per gli allenamenti sia per le scuole e il Garda è stato scelto per la preparazione delle classi olimpiche. Il presidente della XIV zona della Federazione Italiana Vela (FIV), Rodolfo Bergamaschi (nella foto), svela i progetti per l’estate 2020: andare in barca a vela è l’attività ideale, sostenibile, nella natura e priva di rischi.

L’area del Garda si presenta forte dei suoi cinquanta sodalizi affiliati, più i laghi di Idro e Ledro, quelli alpini di Caldonazzo e Caldaro, fin su, quasi, in Austria con il lago di Resia, a sud fino a Parma, Crema e Cremona, Mantova, tra est e ovest Verona e Bergamo con lo Yacht Club dei Mille e la Play Sport Academy.

Rodolfo Bergamaschi - FIVPresidente Bergamaschi, la vela è ripartita e il Garda torna ad essere una grande attrazione?

“Sì, premetto che il Garda è ritenuto l’ideale per gli allenamenti delle classi olimpiche ed è per questo un riferimento a livello nazionale. Dopo l’emergenza sanitaria siamo ripartiti con tutte le misure di sicurezza sia nei circoli sia durante gli allenamenti degli atleti, con mascherine e grande attenzione alle sanificazioni dei locali dei sodalizi, seguendo scrupolosamente i protocolli sanitari, secondo le linee guida dei Ministeri della Salute e dello Sport, del Coni e dei Medici Sportivi. Il circolo velico è uno dei luoghi più sicuri e organizzati: sanificazioni, distanziamento, dispositivi, aree dedicate alle Scuole Vela FIV. A terra e in acqua tutto avviene in sicurezza“.

L’emergenza sanitaria come ha cambiato la vela?

Ha lasciato il segno come in tutti i settori sportivi. Nei nostri circoli – parlo della XIV zona – ho notato che i presidenti e i soci hanno anche individuato nuove modalità, prima sulla parte teorica dove gli atleti hanno potuto approfondire alcuni aspetti e regole che magari in passato per mancanza di tempo non veniva analizzato così profondamente, poi ci sono state regate virtuali, ad esempio la classe Optimist ha preso i tempi degli allenamenti e creato un campionato virtuale. Nell’emergenza non siamo rimasti fermi e adesso siamo pronti a ripartire con progetti articolati per giovani e famiglie. Inoltre abbiamo ridotto la quota del tesseramento“.

Avete già definito un calendario?

Tutto è fatto per gradi, siamo partiti con gli allenamenti, da domani partono le scuole vela della Federazione con il progetto “Ritrova la bussola”, poi a fine mese avremo i “Vela day” e inizieranno le regate zonali. Tutte le regate nazionali sono sospese, ci saranno però quelle zonali e i Campionati Italiani, in calendario tra fine agosto e inizio settembre. Il  Garda – per la sua ampiezza e capacità di accogliere atleti – può essere l’ideale per una manifestazione del genere e soprattutto è in grado di soddisfare le esigenze di tutti i circoli“.

Logo Scuola Vela - Fiv - foto credit Renzo Domini“Ritrova la bussola” è il grande progetto del 2020?

Certamente, la vela vuole fare la sua parte: “Ritrova la bussola” è il messaggio che contiene la proposta ideale per le vacanze (il logo scuola vela credit Renzo Domini) , le Scuole Vela FIV riaprono da domani (15 giugno ndr.) e resteranno attive fino a tutto agosto, con un’offerta di corsi per tutte le esigenze. Nel Kit del progetto “Ritrova la Bussola” c’è un flyer che sotto la guida del personaggio “Ale Surfini” (il fumetto della campionessa olimpica Alessandra Sensini) contiene i cinque messaggi rivolti al pubblico e che identificano i valori della vela. Si va da una barca familiare se vuoi condividere la navigazione, quindi il windsurf se vuoi si vuol sentire il vento tra le mani e il Kite se vuoi volare sull’acqua. E’ lo sport più naturale, a contatto con il vento, le onde, l’acqua e il cielo. Tutti i circoli velici hanno speciali attenzioni alla sostenibilità e salvaguardia dell’ambiente“.

CV Torbole 0La macro zona del Garda si rivela una grande attrazione per giovani e famiglie…

Ha un grande appeal, il Garda assume oggi un significato speciale ed è sempre più riferimento di giovani atleti e dei campioni: tra Malcesine (Verona), Torbole e Arco (Trento), sono presenti tutti gli skipper che si stanno allenando in vista della partecipazione alle Olimpiadi 2021 in Giappone. Al Circolo Vela Torbole c’è anche il testimonial voluto dalla XIV Zona, il cinque volte medaglia olimpica, il brasiliano Robert Scheidt, da 10 anni residente a Nago Torbole. Poi c’è la grande attenzione che riservano alla nostra zona e al Garda, Luna Rossa, Pirelli e sponsor mondiali“.

A fine mese ci sarà la giornata della vela?

E’ in calendario nel weekend lungo del 26-28 giugno. Lo spirito dell’iniziativa è un forte messaggio di promozione della stagione estiva delle Scuole Vela FIV in tutta Italia, come esempio concreto di possibile ripartizione attraverso uno sport formativo, sicuro e immerso in un ambiente salubre. Nei prossimi giorni ci sarà la visita del presidente federale Francesco Ettore, nei circoli e scuole di vela che per il 26-28 giugno hanno programmato i “Vela days”. Tra i club bresciani già pronti ci sono l’Ans del lago d’Iseo, il lago d’Idro (Anfo, Ponte Caffaro), sul Garda: Desenzano con i suoi sodalizi (Fraglia, Lega Navale, Vela Club, Diavoli Rossi, Dielleffe), Nauticlub Moniga, Associazione Vela Crema, Canottieri Garda Salò, Toscolano-Maderno, Gargnano, Univela Campione, con anche le scuole di surf e di kite. Lo stesso avviene lungo la riva veneta, da Malcesine a Peschiera, da Brenzone a Bardolino. Sarà un grande evento in un anno speciale. La vela è ripartita con un impegno sempre maggiore“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136