QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sellaronda: ex aequo tra Lenzi-Palzer e Boscacci-Holzknecht, nel femminile trionfano Martinelli-Ghirardi. Le classifiche

domenica, 22 marzo 2015

Selva Val Gardena – Uno spettacolo serale con un finale ex aequo. I 1.200 concorrenti della 20^ edizione del Sellaronda Skimarathon sono stati lanciati da Selva di Val Gardena con un colpo di cannone sui 42 km e 2.800 metri di dislivello attorno al Gruppo Sella.

In prima fila i top-skiers capeggiati dai grandi favoriti della vigilia, Tadei Pivk di Tarvisio, vincitore e recordmSalita Sellaronda (1)an della scorsa edizione e il mostro sacro dello scialpinismo e dello skyrunning, il catalano Kilian Jornet Burgada.

Tra i loro avversari più ostici la coppia italo-tedesca Damiano Lenzi e Anton Palzer, Pietro Lanfranchi (il compagno di vittoria e di record di Pivk dello scorso anno) con il nuovo compagno Werner Marti, nonché i team Boscacci-Holzknecht e Beccari-Trettel.

In campo femminile, le favorite assolute della vigilia erano le plurivincitrici del Sellaronda, le valtellinesi Francesca Martinelli e Roberta Pedranzini.

Un attacco influenzale last minute della Pedranzini ha però costretto la compagna di squadra a partire assieme a Corinna Ghirardi, giovane emergente di Malonno quest’ultima. L’inedita coppia ha però garantito  suspence, aumentando le possibilità di successo per le altre squadre femminili di spicco, come Michaela Essl-Victoria Kreuzer e Martina Valmassoi-Elena Nicolini.
Alla luce di uno splendido tramonto e con le pareti del Gruppo Sella accese dal rosso fuoco dell’Enrosadira, i concorrenti hanno dapprima affrontato i 4 km e 758 m di dislivello del Passo Gardena, il più ostico in termini di metri verticali, passando per Dantercepies.

I TEAM FAVORITISalita Sellaronda (2)

In questa prima fase come era prevedibile sono stati i tre team favoriti alla vigilia che hanno preso il comando della gara. Il più brillante, lungo i ripidi muri del Passo Gardena, era Michele Boscacci, alle sue spalle il compagno di squadra Lorenzo Holzknecht, Damiano Lenzi, Anton Palzer, Kilian Jornet Burgada e Tadei Pivk.

Passando per il cambio assetto di Corvara, dove tradizionalmente un nutrito pubblico incita i concorrenti al transito, le squadre hanno iniziato ad affrontare il Passo Campolongo, con 545 metri di dislivello, il più dolce dei quattro da superare. Anche in questo frangente le cose non cambiano e i sei proseguono allo stesso ritmo.
Giunti in centro ad Arabba i concorrenti hanno affrontato i 634 i metri di dislivello che separano il fondovalle, dalla cima di Passo Pordoi a 2.239 metri di quota. Dopo il cambio d’assetto in cima al passo i sellarondisti si sono tuffati nella discesa più lunga del percorso, che dopo 795 metri di dislivello negativo terminava in centro a Canazei in Val di Fassa. Da qui è iniziata l’ultima salita della gara, 730 m di dislivello per raggiungere il passo Sella.

IL FINALE

I battistrada salgono a un ritmo impressionante, Kilian e Pivk si staccano leggermente dal gruppetto di testa capitanato da Lenzi, Palzer, Boscacci e Holzknecht. Al cambio pelli poco sopra il passo Sella i quattro atleti al comando iniziano la discesa insieme, solo Damiano Lenzi esce dal cambio qualche secondo prima.

Al termine dell’ultima discesa di 5 chilometri con 634 metri di dislivello negativo, gli atleti raggiungono Piazza Nives nel cuore di Selva di Val Gardena, osannati dalle centinaia di appassionati dietro le transenne decidono di tagliare il traguardo tutti e quattro schierati sulla stessa linea. I cronometro viene fermato i 3:04’:40’’ e quindi viene stabilito anche il nuovo record.

RECORD FEMMINILE

In campo femminile l’insolita coppia Martinelli-Ghirardi prendono sin da subito il comando della gara, alle loro spalle le due azzurre dello scialpinismo Martina Valmassoi ed Elena Nicolini, appena dietro le coppia formata da Michaela Essl-Victoria Kreuzer e da Raffaella Rossi e Laura Besseghini.

Martinelli-Ghirardi affrontano i passi che abbracciano il massiccio del Sella con un ritmo costante e incisivo, guadagnando premiazioni f sellaronda (2)minuti preziosi sulle dirette inseguitrici.

All’ultimo cambio del passo Sella Martinelli-Ghirardi potevano vantare un vantaggio di circa quattro minuti sulla coppia Valmassoi-Nicolini. In terza posizione c’erano Michaela Essl-Victoria Kreuzer.
Martinelli-Ghirardi nell’ultima discesa non sbagliano nessuna traiettoria andando a tagliare il traguardo con il tempo di 3:52’05’’, il che significa record anche in campo femminile.  Confermano la seconda posizione Martina Valmassoi ed Elena che chiudono in 3:56’00’’. Il podio è completato dalla cpremiazioni f sellaronda (1)oppia di Michaela Essl-Victoria Kreuzer terze sul traguardo di Selva di Val Gardena.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136