QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sci, Coppa del Mondo: la discesa libera di Santa Caterina evento mondiale. Il programma

lunedì, 30 novembre 2015

Santa Caterina Valfurva – Coppa del Mondo di sci, presentata la discesa libera a Santa Caterina (Sondrio). “Il prossimo 29 dicembre i discesisti potranno di nuovo gareggiare sulla pista Deborah Compagnoni che, al suo debutto nel Circo Bianco maschile, lo scorso anno, ha ottenuto consensi molto positivi da atleti, pubblico e addetti ai lavori”. Lo ha detto l’assessore allo Sport e Politiche per i giovani di Regione Lombardia Antonio Rossi, alla presentazione della gara di Coppa del Mondo di discesa libera di Santa Caterina Valfurva-

Erano presenti il consigliere regionale Lara Magoni, ex azzurra di Coppa del mondo di sci, il presidente della Federazione italiana sport invernali Flavio Roda, Maurizio Gandolfi delaura pirovano gigante sci alpinol Comitato Organizzatore e il direttore di gara Omar Galli.

EVENTO MONDIALE - “La Coppa del Mondo di sci – ha sottolineato l’assessore Rossi – e’, dopo il Gran Premio di F1 di Monza, l’evento mediatico più  importante per la Lombardia, che consente di promuovere il territorio e le eccellenze sportive ad esso collegate”.

“La discesa libera di Santa Caterina, insieme alla gara internazionale di sci di fondo di Livigno ‘La Sgambeda’ – ha rimarcato l’assessore – chiude l’annata dei grandi eventi sportivi che Regione ha promosso in occasione di Expo. Abbiamo concretamente sostenuto eventi come Campionati mondiali, europei, prove di Coppa del mondo, Campionati italiani di varie discipline sportive che si sono svolti in quasi tutte le province della nostra Regione. Questo perché lo sport di alto livello e la possibilità di vedere dal vivo i migliori atleti e’ un forte stimolo per i bambini che si avvicinano allo sport e per tutti quelli che lo praticano a livello amatoriale”.

LA MISSION DELL’ASSESSORATO - “La mission del mio Assessorato e in generale di Regione Lombardia – ha sottolineato l’assessore Rossi – e’ quella di rendere lo sport e le attività della montagna fruibili al maggior numero di persone, al fine di migliorare gli stili di vita diffusi in Lombardia, di promuovere il territorio sia da un punto di vista turistico che sportivo, di diffondere una cultura dell’alimentazione sana e che guardi ai prodotti a km 0 e di creare opportunità di lavoro per gli abitanti delle valli affinché  possano vivere in modo sostenibile il loro territorio e le loro professioni”.

MONTAGNA PROTAGONISTA ASSOLUTA - ”Nello sport, nella cultura, nelle tradizioni, nel territorio, nell’agricoltura, nel turismo della Lombardia – ha rimarcato l’assessore Rossi – la montagna recita un ruolo da protagonista assoluta”. “In questi due anni e mezzo di legislatura – ha aggiunto – ho avuto più volte occasione di occuparmi del tema montagna per le deleghe che mi spettano, riferite allo sport ma anche alle professioni ad essa collegate, come quelle delle Guide alpine, degli accompagnatori di media montagna, dei maestri di sci e dei rifugisti”.

“Ritengo – ha sottolineato l’assessore – che la formazione professionale sempre più curata, finalizzata a elevare gli standard qualitativi dei nostri professionisti della montagna e a offrire servizi sempre più completi a chi si avvicina a questo mondo, sia un valore aggiunto che Regione Lombardia ha saputo accrescere nel tempo”.

“Regione Lombardia – ha continuato – ha predisposto due bandi dedicati ai gestori degli impianti di risalita per attività di miglioria. Si tratta di misure che rappresentano un concreto segnale nei confronti del mondo della montagna e, nello specifico, dei comprensori sciistici e quindi del comparto turistico legato agli sport invernali”.

SPORT E SOLIDARIETA’ UNITI - “Voglio infine ringraziare la onlus Cancro Primo Aiuto – ha concluso l’assessore Rossi – che, negli anni, è diventata un punto di riferimento del territorio per iniziative benefiche e di concreto aiuto a chi soffre. Piu’ volte ho partecipato a iniziative della onlus che hanno riguardato la provincia di Sondrio e di Lecco e apprezzo molto quanto si riesce a fare anche attraverso gli eventi sportivi come la Coppa del Mondo e il Trofeo Fontana, rivolto ai piccoli sciatori”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136