Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Ponte di Legno: il trenino delle favole piace a bimbi e genitori

venerdì, 2 agosto 2019

Ponte di Legno – Il “Trenino delle favole” ha attratto bambini e famiglie al debutto. Ieri sera la prima uscita con i piccoli, accompagnati da genitori o nonni, accolti dalle accompagnatrici in piazza XXVII Settembre a Ponte di Legno (Brescia) alle 20 e con il trenino turistico dell’Alta Valle Camonica, condotto da Giovanni Maroni, hanno raggiunto le caratteristiche location di Ponte di Legno dalla Val Sozzine alla zona attorno al Castello dalignese per una favola davvero unica dove orsi, streghe e fate hanno accompagnato i bambini in una magica avventura nella natura. Una serata fantastica in un ambiente unico, che si è conclusa poco prima delle 22, nell’oscurità.

Trenino favole 1

“Quest’estate – racconta Chiara Baccanelli (nel video), della Casa del Parco dell’Adamello di Vezza d’Oglio, che organizza l’evento - abbiamo pensato a una serie di eventi rivolti ai bimbi (età dai 4 ai 10 anni ndr.), un’occasione per scoprire un ambiente naturale e vivere grandi emozioni”.

Due sono gli eventi promossi dalla Casa del Parco con il trenino turistico dell’Alta Valle Camonica: il primo è il “Trenino delle favole”, che ha debuttato ieri sera e sarà riproposto giovedì 8, 22 agosto e martedì 13 agosto; il secondo è il “Trenino degli Gnomi” che verrà organizzato questa sera (2 agosto), quindi venerdì 9, 16 e 23 agosto e mercoledì 7 e 21 agosto.

VIDEO

Il viaggio con il “Trenino degli Gnomi” è un’altra attrazione per i bambini, ma anche per i genitori che li accompagnano: ad attendere i bimbi c’è Brusì, lo scoiattolo dell’Alta Valle Camonica, quindi con il trenino viene raggiunta una location ambientale unica, dove i bimbi ricevono dalle animatrici, Laura Pietroboni e Shirley Ballabio, un mantello verde, poi illustrano la storia del “Gnomo Gino”.

Il signor Guglielmo di Vezza d’Oglio – spiegano i promotori – andando a funghi in autunno ha trovato il libro degli gnomi e ha visto sfrecciare nel bosco un folletto rosso. Così è iniziata la ricerca dello gnomo“. In un ambiente ricco di vegetazione e in un silenzio surreale i bimbi scoprono una magica avventura alla ricerca di tracce dello gnomo.

Per informazioni – Casa del Parco – Vezza d’Oglio – tel 0364 96165



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136