Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Pergine, mercatino di Natale e mostra “Pastori erranti sotto le stelle”. Pattini: “Valorizzeremo le nostre tradizioni”

venerdì, 11 novembre 2016

Pergine Valsugana – Partono in contemporanea Perzenland & La Valle Incantata e la mostra “Pastori erranti sotto le stelle, dalla Valle dei Mocheni all’Adriatico”. In arrivo i commercianti di Amatrice.

Sabato 12 novembre inaugura l’edizione numero sette: il Natale di Pergine resta un momento solidale. Ci siamo, il primo mercatino di Natale sta per aprire i battenti e il centro storico di Pergine Valsugana è pronto ad accogliere i suoi ospiti, già addobbato e decorato secondo il gusto e le tradizioni locali, che quest’anno esploderanno in un evento inaugurale particolarmente suggestivo: la sfilata delle caprette pezzate della Valle dei Mòcheni guidate dai pastori e accompagnata da canti, musiche e costumi locali. Il programma prevede l’apertura delle Casette dei Mercatini di Natale, quindi alle 16.30 il corteo della transumanza da piazza Gavazzi a piazza Municipio, alle 17 l’inaugurazione dei  mercatini di Natale in piazza municipio e alle 18 l’inaugurazione della mostra fotografica e poetica di Alberto Pattini dal titolo “Pastori erranti sotto le stelle, dalla Valle dei Mocheni all’Adriatico”.

fb-pastori-erranti-sotto-le-stelle-pergine-valsugana-00

“Abbiamo coinvolto molti giovani e ci saranno i coscritti del 2016, che rappresenteranno la Valle in costume tradizionale – spiega Alberto Pattini, ‘regista’ dell’inaugurazione e autore della mostra sulla transumanza a Palazzo Hippoliti – porteremo in Piazza Municipio il concetto di continuità della nostra cultura, unito all’innovazione che i giovani possono dare. Le nostre radici ci faranno riflettere e valorizzare quei mondi invisibili di cui parliamo nella rassegna sulle minoranze linguistiche parte del progetto Perzenland”.

Quest’anno più che mai, la manifestazione perginese arrivata alla sua settima edizione, affronta il tema del Natale con grande sensibilità, raccogliendo il messaggio di armonia e di pace, mettendo in campo tanta solidarietà oltre che il consueto entusiasmo per la vendita di prodotti speciali, fatti a mano, a chilometro zero, selezionati con cura. Come già annunciato, per sostenere i “colleghi” di Amatrice il Copi, comitato dei commercianti di Pergine, ha deciso di affidare una casetta (sarà in via Pennella) ai produttori legati al marchio De.Co (prodotti certificati provenienti dal territorio amatriciano, che ne caratterizzano l’emblema, rappresentano la tradizione, la storia, la sedimentazione culturale). Non solo, sarà offerta loro anche l’ospitalità grazie alla messa a disposizione di alcuni alloggi.

“Il nostro benvenuto sarà a 360 gradi – spiega il presidente del Copi Luigi Ochner – e soprattutto dopo il commovente videomessaggio del sindaco di Amatrice, siamo impazienti di avere tra noi questi colleghi con i quali sappiamo di avere già molto in comune”.

Una delle belle novità di questa settima edizione è la partecipazione attiva di una delle eccellenze del distretto perginese, una realtà cooperativa che ha portato il meglio della Valsugana in tutta Italia: Sant’Orsola. Radicata e rispettosa proprio di quelle tradizioni che il progetto Perzenland & la Valle Incantata sta cercando di far emergere attraverso rievocazioni ed eventi culturali, l’organizzazione di agricoltori specializzata nella produzione e vendita di piccoli frutti, fragole e ciliegie tardive avrà una casetta all’interno del mercatino di Natale: “Questo è il nostro territorio e quest’anno ci presenteremo personalmente al pubblico con uno spazio espositivo che racconterà quello che siamo e quello che facciamo, ma anche come lo facciamo – spiega Sara Bellini, responsabile comunicazione di Sant’Orsola – Siamo radicati in quest’area geografica ed è qui che cerchiamo di aumentare ancora investimenti e opportunità di lavoro. Condividiamo con il simpatico gnomo minatore la dedizione per i tesori della natura, veicolando un messaggio di naturalità e benessere, valori e opportunità che la nostra esperienza nella lavorazione della frutta ci permette di garantire al consumatore”.fb-pastori-erranti-sotto-le-stelle-pergine-valsugana-01

La mostra a Palazzo Hippoliti. “L’arrivo dei pastori della transumanza con circa cinquanta capre pezzate della Valle dei Mòcheni sarà una visione emozionante – anticipa Alberto Pattini – Arriveranno in piazza Gavazzi e percorreranno il centro storico fino a Piazza del Municipio. Questi bellissimi animali saranno inghirlandati e vestiti a festa, accompagnati dai fisarmonicisti Mirko Petri Anderle, Matteo Marchel, Simone Petri e Michele Eccel e uniti a Gina, la simpatica mamma asina che trasporta i cuccioli di capra nelle sue borse da sella. Tutto questo rievocherà la magia di un lavoro duro, ma sereno, arricchito da un contatto con la natura permette all’uomo di riflettere”. Alla manifestazione parteciperà anche l’associazione della capra pezzata Mòhena di Bedollo.

Perzenland & la Valle Incantata si conferma evento culturale e commerciale insieme, grazie anche alla rassegna “Mondi Invisibili”. Quest’anno la rassegna è incentrata sul tema dei Cavalieri Erranti: i minatori, contadini e soldati di ventura che nel periodo del primo Medioevo migravano alla ricerca di lavoro e fortuna; coloro che nel Settecento sono divenuti Venditori Ambulanti di manufatti in legno e merletti, (come i Klomeri della Valle dei Mòcheni), di stoffe, stampe e immagini sacre nel territorio del Triveneto, oppure Cantastorie e Madonnari in Piemonte e nella Valle del Po e i Ciavelar, raccoglitori di capelli per parrucche nella regione del Friuli Venezia Giulia e nelle terre Occitane.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136