Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Mister Italia 2020: Matteo Coco di Terlago vola in finale

venerdì, 7 agosto 2020

Terlago – Matteo Coco, mister Trentino Alto Adige, vola in finale nazionale a Mister Italia 2020, in programma a Lignano Sabbiadoro (Udine) con il titolo di Mister Alpe Adria Like (nella foto Matteo Coco).

Matteo Coco - mister Alpe AdriaConclusa nei giorni scorsi la fase “online” di Mister Italia 2020, scattata con il lockdown dovuto al Covid-19. Il concorso Mister Italia, nato nel 1983, è collegato ai maggiori concorsi di bellezza mondiali come Mister Mondo, Mister Universo, Mister International.

Le selezioni, che avevano cadenza settimanale, erano strutturate in due sezioni: una in cui sulla base dei “like” ricevuti sui social del concorso ogni settimana venivano assegnati i titoli Mister Italia Like e una in cui una giuria di addetti ai lavori assegnava i titoli Mister Italia Web i cui vincitori accederanno direttamente alle finali nazionali “live” di Mister Italia 2020 che si terranno in Friuli Venezia Giulia a Lignano Sabbiadoro.

Per i concorrenti che nelle varie selezioni hanno vinto il titolo Mister Italia Like è stata organizzata una finale nazionale per individuare i primi tre classificati nazionali che raggiungeranno gli altri a Lignano Sabbiadoro.

matteo cocoL’unico mister in gara alla finalissima di Mister Italia 2020 della regione Trentino Alto Adige è Matteo Coco e gareggerà con il titolo di Mister Alpe Adria Like.

Matteo Coco, 26 anni, di Terlago (Trento), alto 1.85, capelli neri e occhi marrone, del segno del leone, studente della lingua dei segni e modello. Coco, studia la lingua dei segni italiana per persone non udenti. Matteo partecipa al concorso con l’intenzione di sensibilizzare le persone ad interpretare i canoni di bellezza in modo diverso dal solito. “Non è vero che un uomo bello debba essere necessariamente palestrato, bisogna valutare anche il carisma, il talento e l’intelligenza”, sostiene Matteo, con piglio sicuro e convinto di fare la cosa giusta per la sua regione.

 



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136