QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Maga Skymarathon & Skyrace: la campionessa italiana Emanuela Brizio al via

mercoledì, 26 agosto 2015

Oltre il Colle – Si avvicina a grandi passi l’appuntamento bergamasco della Maga Skymarathon & Skyrace, che torna domenica 6 settembre con l’ottava edizione. Tra i big arriva, tra gli altri, la conferma di Emanuela Brizio, alla ricerca del quinto successo sul tracciato orobico di 39 km e 3000 m di dislivello positivo. Le iscrizioni sono aperte, ma conviene affrettarsi. In programma anche la skyrace sulla distanza di 27 km con 1500 m di dislivello in salita.Emanuela_Brizio_Maga_Skymarathon_01_2013_photo_credit_Pierluigi_Palazzi

Quattro su sette: sono le edizioni della Maga Skymarathon vinte da Emanuela Brizio. Di ritorno dalla Veia Skyrace dove ha conquistato il 21esimo titolo italiano, la campionessa in forza alla Valetudo Skyrunning conferma la propria presenza al via della gara orobica in programma domenica 6 settembre nella conca di Oltre il Colle (Bg). La Maga Skymarathon è una gara disegnata su misura per lei. «Riflette le mie caratteristiche da ‘capra’, un su e giù dove c’è ben poco spazio per correre. Adoro i percorsi duri come quello della Maga Skymarathon, la sento nelle mie corde. E ogni volta i panorami che vedo riescono a sorprendermi».

Le gare il più delle volte lasciano sensazioni gradevoli, ma ne esistono alcune che rubano il cuore, creano un legame profondo. È il caso della Maga Skymarathon. «È stato proprio qui che, nel 2006, ho conosciuto Carolina Tiraboschi: si stava avvicinando al mondo delle corse in montagna, sui sentieri di casa sua. Sempre qui, nello stesso anno, ho incontrato per la prima volta Darietto, Dario Busi. Lui ci attendeva all’arrivo, parlando al microfono, sorridente. Incoraggiava tutti, dal primo all’ultimo. Io gli intimavo di non fumare, e lui se ne stava sempre con la sua sigaretta accesa. Puntualmente, quanto mi vedeva, scherzosamente, me ne offriva una. Dario era per tutti».

«Ho un ricordo particolare di quella edizione – prosegue Emanuela Brizio – e si riferisce alle ore che precedono la partenza. Io, come molti altri corridori, mi sono avvicinata alla zona dello start, ma non si notava nulla che indicasse che fossimo nel posto giusto. Ci guardavamo intorno stupiti finché è arrivato un ragazzo, uno degli organizzatori, che reggeva uno striscione arrotolato sotto l’ascella. Con tranquillità lo ha srotolato in mezzo alla strada e ha esclamato “Ecco, la partenza è qui!”. La genuina semplicità di queste persone mi è entrata nel cuore».

La Maga Skymarathon è diventata il suo appuntamento fisso di inizio settembre. Sebbene a stagione piuttosto avanzata, ci arriva sempre al top della condizione. «La Maga Skymarathon è organizzata splendidamente. Non manca nulla. I ristori sono frequenti e ben forniti. Il pranzo conclusivo è buonissimo. Chi non si sente preparato per la skymarathon può approfittare della skyrace, meno impegnativa, però altrettanto interessante».

Ma c’è un motivo ancora più importante, per cui vale la pena di partecipare alla Maga Skymarathon del 6 settembre. «Menna, Arera, Grem e Alben (le 4 cime interessate) compongono un territorio che ciascun appassionato di montagna dovrebbe conoscere. Dalle quattro vette lo sguardo spazia nelle vallate e lascia a bocca aperta. È un itinerario da provare, per rendersi conto dei panorami che si incontrano, chilometro dopo chilometro. Suggerisco di trovare il tempo, durante la gara, per guardarsi in giro, stamparsi negli occhi quello che si vede, e portarselo a casa conservandolo preziosamente». L’aquila di Aurano (borgo alpino della Valle Intrasca) residente a Premosello Chiovenda lo farà di certo. Qualche istante di contemplazione – da rubare alla corsa contro il tempo – renderà l’esperienza ancora più appassionante.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136