QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad


L’ultraciclista Omar De Felice cerca l’impresa in Islanda

lunedì, 29 gennaio 2018

Bormio – Omar Di Felice nella terra dei ghiacci in solitaria. Dopo aver scalato lo Stelvio e le principali vette e archiviato con successo il “giro d’Italia in solitaria” (3.600 km in appena 9 giorni), Omar Di Felice, 37enne fondista romano, si appresta a compiere una nuova straordinaria impresa. E’ partito per l’Islanda dove, questa volta completamente da solo e senza auto di supporto al seguito, percorrerà in 9 giorni il periplo dell’isola lungo i 1.400 km della Ring Road, la suggestiva e pittoresca Route 1.

Si tratta di una sorta di allenamento invernale, solo con il bagaglio minimo necessario per ‘l’esplorazione in solitaria’ dell’Islanda, affrontando lo Skeiðarársandur, una vasta distesa di sabbia e detriti fluviali, soggetta a frequenti inondazioni di origine glaciale e vulcanica. Per evitare poi la temuta galleria di Hvalfjörður, un tunnel di 6 km ad una profondità di 165 m sotto il livello del mare, che di recente si è allagato per un’eruzione vulcanica, Omar Di Felice sarà costretto ad allungare il tracciato di 100 km. L’ultraciclista romano non è nuovo a questo genere di imprese estreme: nel suo albo d’oro figurano, fra le tante, anche la Parigi-Roma (1600 km no-stop in 72 ore), una solitaria da Helsinki a Capo Nord in 8 tappe attraversando il circolo polare artico e la scalata di tutte le più famose montagne del Giro d’Italia, del Tour de France e de la Vuelta. L’imminente avventura, denominata #IcelandUnlimited sul modello di #ItalyUnlimited potrà essere seguita live sui social, tramite l’app Racemap scaricabile da tutti i dispositivi mobili IPhone e Android.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136