QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La “Trans Lac en du” sul Garda vinta dai fratelli Grunig. Posto d’onore per Barzaghi-Bolchini, terzi Barzaghi-DeMunari

lunedì, 19 maggio 2014

Salò – Sotto La luna piena di maggio si è corsa l’edizione 2014 della “Trans Lac en du” del lago di Garda, slittata a primavera dopo una serie di rinvii causati dal maltempo. Il fascino immutato della competizione ha visto al via un buon gruppo di velisti, due per ogni barca in gara, come nella grande tradizione oceanica.TRANS LAC START ATERA2o

L’evento promosso dalla Canottieri Garda ha voluto anche ricordare il velista Cristian Tarolli, vincitore della prima edizione di questa gara, scomparso l’estate scorsa. Nelle brezze notturne, decisamente, leggere, sulla tratta Salò-Gargnano-Salò, ha vinto “Piccolo Principe”, scafo della serie Protagonist condotta dai fratelli milanesi Grunig che, nella seconda parte della prova, il ritorno da Gargnano verso Salò, hanno superato “Yerba del Diablo” di Riccardo Barzaghi e Luca Bolchini che per primo si era presentato sulla boa di metà percorso al porticciolo di Bogliaco di Gargnano.

La terza posizione è andata a “Pegaso”, altro Protagonist, portato dalla coppia Andrea Barzaghi e Roberta De Munari. Le barche di testa hanno impiegato poco meno di 4 ore e mezza per portare a termine la gara. Nella flotta delle barca da Crociera arrivo con scafi appaiati per “Ghibli” di Baxiu e Franchini e “Angi” dei fratelli Cristofani, le due barche che avevano girato la boa nord posta a Maderno. Il Trofeo che ricordava Cristian Tarolli è andato ai fratelli Grunig, la Coppa “Brutto e cattivo” alla famiglia Cavallini dell’Asso 99 “Idefix”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136