QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

La torcia dell’Universiade alla ‘Genziana delle Alpi’ modenese

sabato, 2 novembre 2013

Trento - Sono stati i tre campioni olimpici azzurri del fondo Gabriella Paruzzi (oro a Salt Lake City 202), Silvio Fauner (oro a Lillehammer ’94 e attuale Ct del fondo italiano) e Fulvio Valbusa (oro a Torino 2006) con il vicepresidente Fisi Alberto Piccin a tenere a battesimo al Salone Skipass la Torcia della 26^ Universiade invernale Trentino 2013, che sino a domenica rimarrà esposta nello stand del Trentino alla rassegna del turismo e degli sport invernali ospitata nei saloni del quartiere fieristico di Modena. E’ per quella che è già stata soprannominata “La Genziana delle Alpi” è stato un grande successo di pubblico. Anche altri i campioni dello sci azzurro, a cominciare da Christof Innerhofer e Dominik Paris (premiati Atleta dell’Anno Fisi 2013) non hanno resistito a scattare una foto ricordo. Sarà così per tutti i visitatori dello Stand realizzato da Trentino Turismo.universiade235x370

I PROTAGONISTI 

Sono stati il presidente Comitato Olimpico Sergio Anesi e Gianluca Tasin (responsabile del Torch relay, il giro della Torcia in Italia e all’estero) a illustrare in una conferenza stampa i dettagli dell’organizzazione di Trentino 2013 e delle attività connesse. A cominciare dalla storica data di mercoledì 6 novembre quando Papa Francesco accenderà in Piazza San Pietro la fiaccola della 26^Universiade invernale, in calendario in Trentino dall’11 al 21 dicembre prossimi. La Torcia sarà quindi protagonista di un tour nella capitale che toccherà varie istituzioni e ministeri per concludersi al Coni. Sono quindi previste tappe nella principali università italiane ma anche a Bruxelles, Losanna, Innsbruck e Monaco di Baviera.

L’IDEA

E’ stata progettata e realizzata dal gruppo di ricercatori coordinati dal professor Stefano Rossi del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Trento. Sia per la forma sia per il suo colore richiama la Genziana, fiore di montagna patrimonio di tutte le Alpi e delle Dolomiti teatro di gara di Trentino 2013. E’ un segno dell’incontro fra sport, ricerca e innovazione tecnologica, che caratterizza Trentino 2013, all’insegna del motto “Inspired by You”.

La fiaccola simboleggia lo spirito di condivisione e amicizia di questa manifestazione sportiva internazionale e vuole anche essere espressione della ricerca scientifica più avanzata nell’ambito dell’ingegneria dei materiali e nel design. Così come avvenuto per le precedenti edizioni dell’Universiade e dei Giochi Olimpici, la torcia di Trentino 2013 ha una fiamma alta e ben visibile anche all’esterno, con qualsiasi condizione meteo, ha una forma ergonomica ed è personalizzata con i colori ufficiali: blu e verde. Si ispira ai temi cardine della decima Universiade ospitata in Italia: cultura dello sport, ricerca scientifica e attenzione per i giovani. Il materiale della struttura, petali e gambo, è un innovativo acciaio inossidabile colorato denominato TSteel, che permette di avere colori molto brillanti e nello stesso tempo avere delle superfici texturizzate.

I COLORI 

Sull’impugnatura porta i cinque colori – nero, giallo, verde, blu e rosso – che caratterizzano i cinque cerchi Cio e le cinque stelle Fisu. I progettisti hanno scelto di collegare percettivamente i colori con quelli delle cinque classi di materiali, sia tradizionali che innovativi, abbinando altrettanti significati diversi. Vediamoli in dettaglio:
Giallo: un materiale che presenta questo colore, che può essere facilmente colorato in trasparenza è il legno. Di legno sono tradizionalmente i bastoni da hockey.
Rosso: polimero che ricorda il manico della “stone” del curling.
Nero: nera è la fibra di carbonio, utilizzata ampiamente nella costruzione degli sci.
Blu: il metallo ha dei riflessi blu, come le lamine dei pattini che scivolano sul ghiaccio. Si è quindi utilizzato del acciaio inossidabile.
Verde. Il quinto simbolo viene individuato nel libro, che rappresenta lo studio ed il sapere, aspetto utile per differenziare le Universiadi dalle Olimpiadi. Si è utilizzato una lastra di pietra artificiale LG HiMacs, che ricorda il porfido pietra simbolo del Trentino. Qui è, infatti, riportata la dicitura ufficiale della 26^ Universiade Invernale Trentino 2013.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136