QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La Regione punta a valorizzare la Valtellina: nuovi impianti di risalita, turismo e trenino Rosso patrimonio dell’umanità

mercoledì, 7 gennaio 2015

Tirano – (Fra. P.) –  ”Il ‘trenino rosso’ è un patrimonio dell’umanità e oggi lo prenderò per recarmi a Poschiavo per incontrare le autorità elvetiche e rafforzare la collaborazione tra due aree che sono omogenee e di fatto uguali pur avendo uno status molto diverso, che prevede molti vantaggi in territorio elvetico: il nostro obiettivo è colmare questa lacuna facendo diventare la Provincia di Sondrio una Provincia autonoma”.

Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, al suo arrivo a Tirano durante la presentazione della decima tappa del Lombardia Expo Tour.

“Concretezza è la nostra parola d’ordine, e vogliamo sfruttare questa occasione: c’è un progetto Valtellina per Expo 2015, per promuovere l’attrattività della zona, finanziato con 300 mila euro, capofila la camera di commercio di Sondrio. Vogliamo sfruttare Expo per evidenziare questo modello che abbiamo deciso di realizzare qui, la provincia con lo status della provincia autonoma. Con le stesse caratteristiche e le risorse delle zone confinanti”, ha proseguito il Governatore Roberto Maroni.

LOCALITA’ TURISTICHE

“Abbiamo già iniziato a lavorare in questa direzione, i temi sono tanti e concreti: impianti di risalita per valorizzare il turismo, le concessioni da derivazioni idroelettriche, importanti; io vorrei – ha detto Maroni – che fosse la provincia a poterle gestire. Qualcuno vuole riportare al centro il tema dell’energia, sarebbe veramente una follia”. ”Tra i tanti temi – ha proseguito Maroni – c’è anche quello del parco dello Stelvio, anche in questo caso abbiamo fatto capire al Governo che c’è anche la Lombardia e non solo il Trentino. Ci sarà il coinvolgimento della provincia di Sondrio, anche nel progetto del tunnel in alta valle. Poi il fondo dei Comuni confinanti, ci sono tanti fondi, la provincia deve esercitare un ruolo importante. E poi la gestione del territorio, con la questione della frana del Ruinon in Alta Valle”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136