QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il Trentino si prepara alla Corsa Rosa: il Giro d’Italia una grande vetrina per il territorio. Orari, strade chiuse e modifiche alla viabilità

giovedì, 19 maggio 2016

Andalo – Martedì 24 maggio la corsa rosa torna dopo 43 anni ad Andalo. L’assessore provinciale al turismo Michele Dallapiccola ribadisce la validità della strategia di legare il brand Trentino ai principali eventi sportivi nazionali. La sedicesima frazione terminerà nel cuore di Andalo dopo tre gran premi della montagna, il giorno successivo si ripartirà da Molveno. Numerosi gli eventi collaterali organizzati per intrattenere il pubblico. Nelle foto a lato (cliccare sopra per ingrandire), la cronotabella delle due tappe e un momento della conferenza in Trentino.cronotabella_andalo

Dall’Olanda, sede della partenza del 99° Giro d’Italia, alle Dolomiti. Come da tradizione, quando la corsa a tappe più amata dagli italiani entra nella sua fase più attesa, sono le montagne ad ergersi a protagoniste. Montagne che fanno rima con Trentino, teatro martedì 24 e mercoledì 25 maggio dell’arrivo della sedicesima tappa e della partenza della frazione successiva.

Martedì 24 maggio, a 43 anni di distanza dal successo di Eddy Merckx sul traguardo di Andalo, sarà nuovamente l’Altopiano della Paganella, all’ombra delle Dolomiti di Brenta, il teatro dei chilometri conclusivi della tappa. Una frazione breve, di appena 132 km, ma caratterizzata da lunghe salite e insidiose discese, con partenza fissata a Bressanone. Momento clou sarà l’ascesa che porterà i corridori al gran premio della montagna di Fai della Paganella, con un tratto particolarmente impegnativo che sfiorerà il 15% di pendenza. Il giorno successivo, mercoledì 25 maggio, la gara ripartirà da Molveno per giungere, dopo 196 km, a Cassano d’Adda, nell’hinterland milanese.

I corridori, nella primissima parte della frazione, attraverseranno il caratteristico borgo di San Lorenzo in Banale e, percorrendo le Giudicarie, abbandoneranno il Trentino ed entreranno nella provincia di Brescia per affrontare una seconda parte di tappa completamente piatta e priva di difficoltà fino all’arrivo.cronotabella_molveno

«È ormai una tradizione che il Giro d’Italia viva in Trentino uno dei suoi momenti più emozionanti – spiega Maurizio Rossini, ceo di Trentino Marketing – grazie allo stretto rapporto instaurato negli anni con Rcs e con il direttore della corsa Mauro Vegni. Quella che tornerà dopo 43 anni sull’Altopiano della Paganella sarà una corsa dai grandi numeri, come confermano i 171 paesi che trasmetteranno l’evento, i 1000 giornalisti e i 500 fotoreporter accreditati, dati che regaleranno al nostro territorio una grande visibilità mediatica. Il Trentino investe molte risorse nelle proposte legate alle due ruote, grazie ai 400 km di piste ciclabili, ai 500 km di sentieri dedicati alle mtb e alla novità delle 23 Grandi Salite, confermandosi una meta molto interessante per i turisti italiani ma non solo».

«Tutte le località dell’Altopiano della Paganella si sono attrezzate per poter proporre un ricco programma di eventi collaterali – spiega Luca D’Angelo, direttore dell’Apt Dolomiti Paganella – con l’obiettivo di trasformare il Giro d’Italia in una grande festa, con musica, spettacoli, le premiazioni del progetto BiciScuola 2016 ed appuntamenti enogastronomici, senza scordare la possibilità di salire in quota grazie all’apposita apertura degli impianti di risalita». D’Angelo, dopo aver presentato nel dettaglio le caratteristiche delle due frazioni ed aver assicurato che l’impatto sulla viabilità sarà minimo, ha annunciato la presenza sull’Altopiano, in occasione del passaggio del Giro, di Aksel Lund Svindal, il campione norvegese di sci alpino, da anni testimonial e amico della Paganella.giro italia

«Gli operatori e i residenti attendono con trepidazione l’arrivo della carovana rosa – aggiunge Fabrizio Tonidandel, presidente dell’Apt Dolomiti Paganella – Offriremo ai presenti e alle telecamere lo splendido spettacolo naturale delle Dolomiti di Brenta e ci tengo a ringraziare Trentino Marketing per aver portato nel nostro territorio un altro grande evento sportivo e tutte le persone che si stanno adoperando dietro le quinte per rendere impeccabile l’organizzazione logistica».

«Quella di associare il Trentino allo sport e alla vacanza attiva si è rivelata in passato una scelta vincente ed è una tradizione che proseguirà anche in futuro – conclude Michele Dallapiccola, assessore provinciale al turismo – I grandi eventi sportivi rappresentano una vetrina prestigiosa per il nostro territorio e ne esaltano le sue eccellenze, da quelle ambientali e naturalistiche a quelle legate all’enogastronomia, ovvero il fulcro dell’offerta turistica del Trentino».

Nel corso della conferenza stampa tenutasi oggi nella Sala Rombo di Trentino Marketing, sono intervenuti anche il sindaco di Andalo, Alberto Perli, e il primo cittadino di Molveno, Luigi Nicolussi, i quali hanno sottolineato il lavoro di squadra e la forza del volontariato, fattori determinanti per l’organizzazione dell’evento.

Presenti in sala anche Gianmaria Toscana, presidente del Consorzio Skipass Paganella Dolomiti e Ruggero Ghezzi, vice sindaco di Andalo e direttore del Consorzio Skipass Paganella Dolomiti. Nelle due giornate interessate dal passaggio del Giro d’Italia saranno aperti gli impianti di risalita Paganella 2001 e Pradel.

MODIFICHE DELLA VIABILITA’ 

ARRIVO DELLA 16° TAPPA DEL 99° GIRO D’ITALIA

MARTEDI’ 24 MAGGIO 2016

Ordinanza Chiusura Strade Commissariato del Governo – 1 ora prima del passaggio di Tappa (verificare le cronotabelle ufficiali)

IMPORTANTE: la strada Santel – Cavedago sarà chiusa già a partire dalle ore 14.00

PER CHI PROVIENE DA SUD (GARDA, GIUDICARIE, MOLVENO)
 SS. 421 dei Laghi di Molveno e Tenno

Arrivando ad Andalo, il traffico verrà deviato lungo due arterie secondarie, a seconda se si tratti di traffico veicolare leggero o pesante.

TRAFFICO PESANTE (sup. 3,5t.): alla caserma dei carabinieri, posta all’ingresso del paese in via Ponte Lambin, si gira a sinistra su via Le Val, scendendo oltre l’hotel Pier, e risalendo poi fino a maso Ghezzi  e girando poi a destra in via Pradél. Arrivati all’incrocio tra via Pradél e via Crosare (c/o Hotel Serena), si gira nuovamente a sinistra per pochi metri, per poi girare a destra, in via del Moro, nei pressi dell’agenzia Brenta Viaggi; si percorrono via del Moro e via Priori in tutta la loro interezza, raggiungendo così il centro sportivo e, in particolare, i campi da tennis. Lì si gira a destra tornando così alla SS. 421 nei pressi dell’AcquaIN; in corrispondenza di questo incrocio E’ OBBLIGATORIO GIRARE A SINISTRA, quindi verso Cavedago, Spormaggiore, Rocchetta. Questa variante è consigliata anche al traffico leggero diretto a valle (Rocchetta, Mezzolombardo, Trento)

Il traffico pesante diretto poi a Fai della Paganella, salirà a Santel da Cavedago e da lì raggiungerà Fai.

TRAFFICO LEGGERO: di fronte alla casa cantoniera, il traffico leggero è deviato a destra su via Laghet, che viene percorsa in tutta la sua interezza; in corrispondenza dell’incrocio tra via Laghet e via Perli (c/o Pizzeria al Taglio La Marenda) sarà installato un impianto semaforico, che regolerà un senso unico alternato. Al semaforo sarà OBBLIGATORIO girare a destra in via Perli, percorrendola fino all’incrocio con via Rindole; da lì, girando a sinistra, si giungerà all’incrocio con via Paganella (c/o Hotel K2), dove sarà OBBLIGATORIO girare a destra, in direzione quindi di Fai della Paganella.

PER CHI PROVIENE DA NORD – SS. 421 dei Laghi di Molveno e Tenno Spormaggiore, Cavedago

Sia il traffico pesante, sia il traffico leggero, percorreranno all’incontrario il percorso descritto sopra per il traffico pesante e, quindi, una volta arrivati ad AcquaIN si girerà a destra verso i campi da tennis, per poi percorrere via Priori, via del Moro, via Crosare fino all’incrocio nei pressi dell’hotel Serena, via Pradel, maso Ghezzi, via Le Val e di nuovo la SS. 421 in direzione di Molveno, San Lorenzo in Banale.

PER CHI PROVIENE DA NORD
S.P. 64 di Fai della Paganella

Chi deve raggiungere soltanto Andalo, può tranquillamente percorrere la S.P. 64, tenendo però presente che dovrà fermarsi nei pressi della Chiesa del paese.

Il traffico pesante destinato a Molveno/Giudicarie, al Santel, dovrà dapprima scendere a Cavedago e poi raggiungere Andalo sulla SS 421 fino all’AcquaIN. Da lì in avanti, vale la viabilità alternativa già descritta in precedenza.

Il traffico leggero destinato a Molveno/Giudicarie potrà scendere a Cavedago da Santel e da lì seguire gli itinerari già descritti (Andalo, AcquaIN,…), oppure arrivare ad Andalo fino all’incrocio tra la S.P. 64 e via Rindole (c/o Hotel K2)

VIABILITA’ INTERNA AD ANDALO

Elenco strade chiuse a partire dalle 5 di martedì 24 maggio 2016

  • via Ponte Lambin e viale Trento tra la caserma dei carabinieri e il ristorante-pizzeria Al Penny – ultimo chilometro della tappa

E le seguenti strade procedendo verso viale Trento

  • via Dossi
  • via Crosare
  • via Perli (tratto tra Pizzeria al Taglio La Marenda e supermercato Conad)
  • via Piz Galin
  • via Tenaglia

Elenco strade con viabilità modificata

  • Via Perli e via Rindole: senso unico alternato, regolamentato da impianto semaforico, tra la Pizzeria al Taglio La Marenda e l’hotel K2
  • Piazza della Chiesa: aperta al transito, così da permettere il transito veicolare tra via San Rocco e via Paganella (S.P. 64)

di Antonia Maria Colombo


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136