QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il carro “Il pozzo dei desideri” ha vinto il 50° Gran Carnevale di Storo

domenica, 12 marzo 2017

Storo – E’ il  carro “Il pozzo dei desiderio” il vincitore del 50esimo Gran Carnevale di Storo, andato finalmente in scena nella borgata della valle del Chiese dopo il rinvio di sabato 4 marzo causato dal maltempo. Il lavoro proposto dal gruppo storico Mary Poppins guidato da Flavio Zocchi parlava di un mondo fiabesco con conte e principesse uscite da un libro con molti altri personaggi surreali. Ad essere premiato anche lo spettacolare effetto scenico della struttura che si apriva durante l’esibizione.

Al secondo posto “La Fonte miracolosa” incentrato su una possibile fonte di reddito locale grazie a nuove opportunità turistiche e terzo il carro “Non tutte le principesse escono col buco” di Borgo Chiese. Grande ilarità hanno poi suscitato tra il pubblico (stimato in oltre sei-settemila persone) i carri “Lo Schiaccianoci”,  ”Prot Corn” di Ledro, “Welcome Miami Beach” e “Quadrar al Polo Nord”. Tra i gruppi mascherati la vittoria è andata a “I Banani” davanti a “Le Cocos Quadre” e “Band”.c
Tra i carri esterni ha invece centrato una incredibile triplete “Salvalo per la tua libertà” del gruppo “Sfaz” di Roncone.
Infine il premio Hermann è andato al carro “La Fonte miracolosa”, con la irridente satira sulle vicende economico-amministrative di Storo.
Il Gran finale si è avuto dopo la mezzanotte con le premiazioni dei carri nella nuova struttura StoroE20 voluta dalla Pro Loco. E proprio il suo presidente Nicola Zontini ha espresso tutta la soddisfazione per la perfetta riuscita della cinquantesima edizione del Gran carnevale, nonostante il maltempo ne abbia inizialmente condizionato lo svolgimento. Non era mai successo prima, nei 50 anni di storia del Gran Carnevale di Storo, di dover rinviare il gran finale ma come si dice in questi casi al tempo non si comanda.
A contendersi la vittoria sono stati una ventina di carri, con gruppi mascherati capaci di movimentare la bellezza di mille figuranti. Lavori incentrati principalmente su temi di satira locale. E tra i carri dei gruppi storici che hanno storicamente animato il Carnevale ha fatto il suo esordio anche un nuovo gruppo di giovani storesi che hanno deciso di mettersi in gioco per la prima volta.
Ma assieme alla sfilata dei Grandi Carri (lavoro coordinato da Daniele Canetti) non va dimenticato il grande successo riscontrato dalle serate nella nuova struttura StoroE20 voluta dalla Pro Loco. E in attesa del 2018, nelle prossime settimane verrà presentato il libro voluto dalla Pro Loco per ricordare le prime 50 edizioni del Gran Carnevale, patrimonio della Valle del Chiese e dell’intero Trentino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136