QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

I maestri di sci sono ambasciatori del turismo. Un messaggio dall’Alto Adige e dalla rassegna ProWinter 2015

giovedì, 9 aprile 2015

Bolzano – I maestri di sci sono gli ambasciatori del turismo. In Alto Adige le scuole di sci sono 59 e contano oltre duemila maestri di sci. “Per noi sono ambasciatori del turismo invernale e offrono un’assistenza completa e professionale agli ospiti sulle piste da sci”, ha dichiarato il presidente Arno Kompatscher, presidente della Provincia di Bolzano, ricordando inoltre l’alto livello della formazione locale dei maestri di sci, “finanziata dalla Provincia che contribuisce a garantire la qualitàprowiter Maestri di sci del turismo”.

LA CERIMONIA

Kompatscher ha consegnato i diplomi ai nuovi maestri nell’ambito della fiera specializzata ProWinter 2015 assieme al presidente del Collegio dei maestri di sci Claudio Zorzi. A conclusione di un ciclo di formazione durato tre anni, 63 sono i diplomati maestri di sci alpino, 6 quelli dello sci di fondo e 11 i diplomati maestri di snowboard.

Il percorso di preparazione, impegnativo e complesso, ha contemplato due test di ammissione ai diversi corsi, una formazione di 90 giorni con moduli didattici, teorici e pratici, e i rispettivi esami finali.
Nel 2014 si sono svolti inoltre un corso di qualificazione per maestro di telemark, un corso di specializzazione per l’insegnamento dello sci ai bambini e un corso di specializzazione per l’insegnamento del freeride.
42 maestri hanno conseguito i relativi diplomi e attestati.
Nella formazione, oltre ovviamente alla sicurezza, viene posta particolare attenzione sulla conoscenza dell’italiano e del tedesco e per i maestri di sci interessati vengono proposti anche corsi di inglese e di russo.
«Le scuole di sci sono imprese di servizio moderne, ai maestri di sci si richiedono competenza sociale e preparazione fisica e diventa quindi decisiva la qualità della formazione”, ha concluso Kompatscher.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136