QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Garda Trentino Half Marathon: alla 14^ edizione trionfa Kanda. Festa per 4155 atleti a Riva del Garda

domenica, 8 novembre 2015

Riva del Garda – Un sole primaverile, il cielo azzurro e le splendide montagne attorno a Riva del Garda e Arco di Trento hanno dato il benvenuto ai 4.600 podisti che hanno scelto di correre oggi la 14^ Garda Trentino Half Marathon organizzata sempre con maestria e anche tanti sacrifici da Trentino Eventi (Nelle foto Bridarolli)

IL TRIONFO DI KANDA 

C’era gioia nell’aria, euforia palpabile e come normale che sia qualche timore da parte dei tantissimi neofiti che hanno scelto la mezza di Riva per fare l’esordio ufficiale sulla distanza dei 21,097km. E hanno scelto bene perché questa è una delle competizioni più affascinanti d’Italia. E’ il Kenya però ad avere la meglio e a mettere la propria bandiera nell’albo d’oro grazie a Jonathan Kosgei Kanda (Atl. Castello) che vince col sorriso in 1h05’06” precedendo di un niente sia il tedesco Simon Stutzel (Team Memmert) secondo in 1h05’12” sia Jean Baptiste Simukeka (Rcf Roma Sud) sul terzo gradino del podio con 1h05’16”. Jonathan Kanda fa parte del gruppo degli atleti keniani che da anni per lunghi periodi, soprattutto nei mesi estivi, vivono dalle parti di Siena e si allenano con Ezekiel Kemboi, il siepista più forte della storia plurivincitore di medaglie d’oro mondiali ed olimpiche. Kanda non è giovanissimo, ha superato i 35 anni, ma senz’altro oggi la motivazione e la voglia di vincere sono stati sufficienti per giungere davanti a tutti.

Più che valida anche la prestazione del bergamasco Giovanni Gualdi (Corrintime) quinto in classifica in 1h06’19”, perfettamente in linea con le sue aspettative: “Perfetto. Era il tempo che credevo valessi e così è stato – conferma Gualdi – Ho smontato dal turno di notte stamattina alle 7 e sono partito subito per Riva, ma soprattutto non sapevo bene quanto avevo recuperato dopo la maratona di Venezia corsa solo due settimane fa”. L’ex Fiamma Gialle da quando ha smesso la vita del professionista sembra quasi rinato atleticamente nonostante l’età inizi a salire: “Sto bene e mi diverto tantissimo, amo correre e riesco a farlo ancora ad alto livello. E’ la prima volta in questa gara ed è fantastica, un’atmosfera unica, un bel percorso neanche facilissimo e molto vario- Tornerò sicuramente l’anno prossimo perché fossi stato più brillante avrei forse lottato per la vittoria, ma oggi non era la giornata giusta. Ora so che posso correre un’altra maratona prima della fine dell’anno”.

LA GARA FEMMINILE

Nella gara femminile successo per Judit Varga (Edera Atl. Forl’) in 1h15’56” che ha preceduto la donna più attesa, la veneziana Giovanna Epis (G.s. Forestale) capace oggi di correre in 1h16’37”. Terza Karin Freitag (Sk Rueckenwind) attardata di due minuti in 1h18’36”.

Judit Varga, origini ungheresi, oggi 39enne in passato è stata una campionessa nelle piste di atletica specializzata nei 1500 metri dove ha partecipato e vinto una medaglia di bronzo ai Campionati Europei Indoor a Valencia nel 1998 e un quarto posto agli europei di Monaco di Baviera nel 2002.

Per Giovanna Epis una gara-test comunque positiva: “Ho fatto bene a venire qui, si respira un’aria di grande evento internazionale. Sono stata in testa fino al 17°km con qualche secondo di vantaggio sulla mia inseguitrice, ma non ero particolarmente brillante. Ho un po’ accusato gli allenamenti più lunghi e duri di queste settimane per preparare la Firenze Marathon del prossimo 29 Novembre. Sono un po’ appesantita nelle gambe per questo, ma va bene così è stato un buon test per il mio esordio in maratona. Se andrà bene dovrò ringraziare questa gara e questo splendido pubblico. Il percorso mi è piaciuto molto, che spettacolo gli ultimi chilometri tutti sul lago”.

LA MEZZA MARATONA 

Oltre alla classica mezza maratona quest’anno per la prima volta si è corsa anche la 10km con partenza da Arco verso piazza Garibaldi di Riva, in pratica la seconda parte della ‘half marathon’. Su questa distanza vittoria per il tedesco Fritz Koch (Lsf Munster) in 32’15” e tra le donne per Odilla Lorenzoni (Atl. Insieme New Foods Vr) in 39’51”.

In programma c’era anche la 21km Nordik Walking, in questo caso niente fretta, solo voglia di benessere e buone gambe per oltre cinquanta partecipanti.

Con la festa all’Expo presso il Palafiere e la premiazione del gruppo sportivo più numeroso ‘I Love Running’ con oltre 350 partecipanti di nazionalità russa si è conclusa qesta 14esima edizione. E già si pensa al 2016, con rinnovato entusiasmo e tante idee da mettere in campo, evento che come sempre sarà possibile organizzare con l’indispensabile contributo degli oltre 500 volontari necessari che oggi ancora una volta sono stati grandiosi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136