QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Fiume che cammina: centinaia di visitatori alla mostra di Pattini allestita al Muse di Trento

martedì, 13 giugno 2017

Trento – Una mostra che ha colto nel segno e interessa il pubblico. In sintesi la rassegna “Fiume che cammina”, realizzata dallo scrittore Alberto Pattini e allestita al Muse di Trento. Oltre 350 persone all’inaugurazione e altre centinaia i visitatori dei primi giorni di apertura della mostra.

Sono immortalati gli scatti di vita dei giovani pastori mòcheni e i luoghi attraversati con il loro gregge: dalle montagne della catena del Lagorai in Valle dei Mòcheni – Trentino, fino ai pascoli di Altino e Jesolo sul mare Adriatico veneto e viceversa.

Muse Trento Pattini

La transumanza, vissuta come un’esperienza sensoriale attraverso uno dei paesaggi più selvaggi del territorio italiano, è riconoscibile anche nelle liriche scelte da Alberto Pattini. Studioso di storia del territorio e dell’arte, autore di 24 libri e di numerosi articoli giornalistici. Dal 2014 si è dedicato ai versi, con 64 poesie nel libro “Il Trentino dei sentimenti”.

Alla cerimonia inaugurale erano presenti autorità e centinaia di persone: i quattro sindaci della Valle dei mocheni, Bruno Groff, Luca Moltrer, Stefano Moltrer e Ivano Fontanari, quindi il sindaco di Trento Alessandro Andreatta e l’assessore Roberto Stanchina, il vice presidente del Consiglio regionale Lorenzo Ossanna, il senatore Franco Panizza e il vice presidente del Muse Antonio Giacomelli (Nella foto a lato).

La mostra, allestita fino al 27 agosto, è patrocinata dalla PAT e organizzata in collaborazione con Istituto Culturale Mocheno e Bollait. Orari di apertura Palazzo delle Albere: martedì – venerdì ore 10 – 18; sabato e domenica: ore 10 – 19.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136