QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Debertolis e Laner vincono anche l’ultima tappa e conquistano la Bike Transalp dei Master

sabato, 26 luglio 2014

Riva del Garda - E con questa fanno sette. Massimo Debertolis ha vinto anche l’ultima tappa della Craft Bike Transalp, centrando l’en-plein. In coppia con l’altoatesino Andreas Laner, ha dominato la categoria Master della lunga gara, partita domenica scorsa da Oberammergau, portando a casa il successo in tutte le frazioni disputate.

Così è stato anche oggi, da Trento a Riva del Garda, la frazione che ha chiuso l’edizione 2014 della competizione. L’avversario più agguerrito sono state, nella circostanza, le condizioni meteorologiche, che hanno martoriato i concorrenti dal primo all’ultimo chilometro.

«La paura di gettare via tutto quello che avevamo costruito fino ad ora oggi è stata sempre presente – spiega Massimo Debertolis al termine della tappa – perché in alcuni momenti scendeva talmente tanta pioggia che non si vedeva nulla. Dentro il bosco, sul Bondone, sarebbe servita l’illuminazione artificiale… Per questo abbiamo dovuto impegna rci al cento per cento, nonostante il rassicurante vantaggio in classifica generale, soprattutto in discesa, dove i rischi, in queste condizioni, sono maggiori».

Per la cronaca la coppia trentino – altoatesina ha vinto con 16 minuti e 47 secondi di vantaggio sui “soliti” tedeschi Thorsten Damm e Martin Hollerbach (Scott), che hanno preceduto d’uno soffio (appena 6 secondi) Olaf Nützsche e Klaus Reinisch (Focus Rapiro). Nella graduatoria finale Debertolis e Laner chiudono il lungo tour con il tempo di 28 ore, 10 minuti e 24 secondi, un’ora e 35 minuti in meno di Damm – Hollerbach e 1 ora e 59 in meno di Nützsche e Reinisch.

Per il biker primierotto questo è senza dubbio uno dei risultati più importanti della stagione. «Raccogliere il successo in queste gare a coppie – aggiunge – aumenta la soddisfazione, perché significa che oltre aver pedalato bene si è anche instaurato un bel feeling con il compagno». Chiusa questa esperienza, va rapidamente a concludersi anche l’asta organizzata per raccogliere fondi a favore dell’Ail.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136