QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Darfo Boario, cresce l’attesa per la cena di gala del concorso gastronomico “Un fiore nel piatto”

domenica, 30 aprile 2017

Darfo Boario Terme – Si avvicina a grandi passi l’evento conclusivo del concorso gastronomico “Un fiore nel piatto”, con la cena di gala in calendario martedì 9 maggio – alle 20 – all’istituto Alberghiero Olivelli Putelli di Darfo Boario Terme (Brescia). Sarà una serata unica e i posti sono limitati, quindi occorre affrettarsi a prenotare (al numero 339 8824098) per gustare  una cena da chef stellati con vini doc.

Il concorso gastronomico camuno è dedicato a piatti a base di fiori ed erbe spontanee. L’obiettivo del concorso è valorizzare il territorio e le sue peculiarità legate alla più alta cucina. I vincitori delle precedenti edizioni ne ha valorizzato i piatti. Fiori eduli ed erbe spontanee: questi ancora i protagonisti dell’edizione 2017 del concorso ideato da Loretta Tabarini, presidente dell’Associazione di Promozione Sociale – Promazioni360 – Unicef Valle Camonica e proposto dall’Amministrazione Comunale di Darfo Boario Terme (Brescia). ”Al concorso – commenta Loretta Tabarini (nella foto)- c’è stata una grande partecipazione, tutti  di alta qualità”.

La sfida è dimostrare che erbe e fiori potessero diventare gli ingredienti di una cucina innovativa che guarda con attenzione alle tendenze senza tradire le tradizioni: il successo e l’interesse suscitato dalle edizioni passate ha portato a riproporre l’esperienza anche nell’edizione 2017.
loretta-tabarini-1

I piatti che sono nati dai concorsi precedenti hanno dimostrato come con fiori ed erbe spontanee si possa proporre una cucina innovativa che guarda con attenzione alle tendenze e in grado di accontentare anche il palato più raffinato.

La virtuosa contaminazione fra il territorio e le creazioni dei cuochi è il valore aggiunto del concorso: molti dei piatti nati in occasione delle passate edizioni sono diventati il fulcro di menù di ristoranti d’autore.

Venti i piatti che sono stati selezionati e valutati dalla Giuria, formata da Giurati del settore e da rappresentanti dell’Associazione italiana Sommelier, che selezionerà, il “menù floreale” che sarà gustato durante una cena del 9 maggio. La Giuria presieduta dallo chef stellato Riccardo Camanini ha infatti decretato che i piatti che comporranno il “menù floreale 2017” sono i seguenti:

Antipasto:

Trota in tre consistenze crema di piselli beans blosson finocchio selvatico e corallo nero presentato dall’Hostaria  Corte di Bacco – Edolo

Primo:

Risotto bresciano dove il lago incontra la terra e il mare presentato da Le Antiche Rive – Salò

Secondo:

Coregone e riso basmati alle ortiche, silene e ristretto di sarde del lago d’Iseo presentato dall’Hostaria Corte di Bacco – Edolo

Dessert:

Sfera di cioccolato muffin alla lavanda con confettura si albicocche e mandorle amare presentato da Pizzacamì’ di Borno

Una serata unica, da non perdere. Il costo della cena di gala è 37 euro. Per le prenotazioni contattare Loretta Tabarini al 339 8824098.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136