QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Coppa del Mondo skiroll: a Madona successi per Becchis e il 15enne Mortagna. I risultati

venerdì, 12 agosto 2016

Madona – L’inno di Mameli risuona due volte a Madona, in terra lettone, dove Emanuele Becchis ha vinto la terza sprint consecutiva della stagione, ma la vera sorpresa è Alba Mortagna, classe 2000, che ha vinto a soli 15 anni la prima gara di Coppa del Mondo.

Originaria di Santa Giustina (BL), aveva già dimostrato nelle prove in Italia di essere molto veloce nelle prove sprint tanto da renderla competitiva nella gruaduatoria assoluta. A Sgonico aveva interpretato al meglio la prova in circuito giungendo seconda subito dietro Lisa Bolzan.skiroll

Ha avuto alcune difficoltà nel suo esordio in Svezia dovuto agli insidiosi percorsi, ma subito un pronto riscatto. Suo il miglior tempo in qualifica.

In semifinale alcune difficoltà l’hanno costretta a recuperare nella seconda parte del percorso, ma in finale ha attaccato fin dall’inizio con quella brillantezza e spensieratezza di una ragazza di 15 anni, che non teme nessuno ed è andata a vincere alla grande. Seconda è giunta la russa Elizaveta Burtseva, che ritorna leader di Coppa del Mondo, 3a l’atleta di casa Kitja Auzina.

Negli junior maschi il norvegese Sigurd Braathen Reigstad ha vinto il suo terzo sprint dell’anno, ottimo 2° posto per Francesco Becchis che ha preceduto lo svedese Alfred Buskqvist. 5° un ottimo Jacopo Giardina che al fotofinish ha lasciato il suo ingresso in finale.

Lisa Bolzan aveva iniziato nel migliore dei modi con il miglior tempo in qualifica. Purtroppo in semifinale si è fatta cogliere impreparata e non è riuscita a recuperare lo svantaggio accumulato nella partenza a spinte. Meglio di lei ha fatto Anna che è riuscita ad entrare in finale e purtroppo si è dovuta accontentare della quarta posizione.

Emanuele Becchis ancora una volta ha vinto nella categoria senior, dopo aver effettuato il miglior tempo in qualifica dove aveva un vantaggio di 56/100 sul norvegese Ragnar Bragvin Andresen e 66/100 dal russo Dimitriy Voronin.

In finale non c’è stata stata storia ed Emanuele è stato sempre stato in vantaggio ed ha preceduto Dimitriy Voronin ed il lituano Modestas Vaiciulis. Domani è prevista una prova individuale in tecnica classica dove i favoriti sono ancora una volta gli svedese.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136