QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Combinata nordica, Coppa del Mondo: nella prova Team Sprint vince la Norvegia. Ottava l’Italia: risultati e classifica

sabato, 31 gennaio 2015

Tesero – Coppa del Mondo, la combinata nordica prova Team Sprint va alla Norvegia,  nel salto svettano gli austriaci e i tedeschi, domani nuova gara individuale con la dieci chilometri. 

Norvegia, Germania e Austria, come prevedibile anche se qualcuno, all’Italia, un pensierino lo faceva. È successo oggi alla prova Team Sprint di Combinata Nordica, seconda giornata di Coppa del Mondo inGraabak 1 Val di Fiemme (Trento).

Giornata da incorniciare quella di oggi a Predazzo e lago di Tesero, con la prova finale, quella di fondo, combattuta e vivacissima.

Mattinata fredda (-10°), con il pubblico infoltito da alcune classi di studenti festosi e sollecitati anche dalla simpatica iniziativa del marketing di Nordic Ski Fiemme “Jump in the Breakfast”, ovvero brioches e cappuccino a go-go per tutti gli spettatori. Una sessione di salto per i due componenti i teams, con l’Austria subito a dettar legge col vincitore di ieri Gruber. Schneider (Austria) invece nel suo salto si piazzava dietro Faisst e così l’Austria guadagnava un punto, ovvero due secondi sulla Germania, mentre i norvegesi erano costretti a rincorrere e finivano ad oltre 30” con Graabak e Schmid e a quasi 40” con Norvegia2 di Moan e Andersen. Ovvio che ci si aspettava una prova di orgoglio degli azzurri, ma Bauer e Pittin non riuscivano a fare meglio di un ottavo posto che li avrebbe condizionati nel fondo col distacco di 1’23”. Italia2 con i due Runggaldier finiva 13.a a 2’20”.

La gara di fondo, alle 13 era una sfilata nello stadio soleggiato di lago di Tesero, dieci giri sull’anello di 1,5 chilometri con cambio ad ogni tornata. Partiti uno a ridosso dell’altro, Gruber e Riessle per tre giri hanno guidato la gara da soli, poi da dietro Austria1, Austria2, Francia, Norvegia2 e Slovenia si sono accodati ed è iniziata una fase tattica e di studio. C’è stato qualche tentativo di allungo, sempre però ribattuto dagli avversari e solo nel finale si sono sfilati in tre, per andare a concludere allo sprint un podio ambito da molti. Graabak di Norvegia1 negli ultimi metri ha trovato il guizzo vincente, 9” che gli hanno permesso di girarsi e controllare il testa a testa tra Riessle (Germania) e Gruber (Austria), finiti nell’ordine.

Bauer e Pittin hanno infervorito il pubblico. Partiti a 1’23” dai leaders, i due azzurri hanno dato l’anima arrivando addirittura a 16”7 vedendo il gruppo di testa poco lontano. Poi Bauer ha pagato lo sforzo ed in un sol giro il ritardo è piombato a 24” e da lì la resa. Un ottavo posto finale per i nostri a 59”5, con la consolazione del quarto tempo nel fondo. Decimi gli altri due azzurri Lukas e Mattia Runggaldier.

La Coppa del Mondo per nazioni riconferma al comando la Germania con 3541 punti, avvicinata ora dalla Norvegia (3474) e dall’Austria (2263).L’Italia si deve accontentare del settimo posto con 746 punti. Domani ancora una gara individuale, i favoriti sono gli stessi che oggi hanno messo il sigillo al podio, Austria, Norvegia e Germania. Salto a Predazzo alle 10, 10 chilometri Gundersen alle 14 a lago di Tesero, con la solita regia del comitato Nordic Ski Fiemme.

Ovvio che la speranza di un acuto di Pittin e Bauer è sempre nel cuore degli sportivi. Sandro Pertile, responsabile tecnico del settore Sci Nordico, non dispera: “Con i ragazzi stiamo lavorando molto, soprattutto sulla parte salto perché sappiamo che lì dobbiamo migliorare molto. Il salto è storicamente il nostro tallone d’Achille. Continuo a credere che questa squadra abbia delle potenzialità molto più elevate di quello che si è visto in questa stagione e ieri Bauer l’ha dimostrato. Il trampolino di Predazzo è difficile per noi e i ragazzi si sono difesi bene”.

LA CLASSIFICA 

1 Norvegia (SCHMID Jan – GRAABAK Joergen); 2 Germania+ 0,9 (FAISST Manuel -RIESSLE Fabian); 3 Austria I +1.6 (SCHNEIDER Sepp – GRUBER Bernhard); 4 Austria II +6.4 (KLAPFER Lukas – ORTER Philipp); 5 Francia I +12.4 (LACROIX Sebastien – BRAUD Francois); 6 Norvegia II +17.4 (ANDERSEN Espen – MOAN Magnus H.); 7 Slovenia  +25.6 (BERLOT Gasper – JELENKO Marjan); 8 Italia I +59.5 (BAUER Armin – PITTIN Alessandro); 9 Francia II +2:22.3 (LAFARGE Geoffrey – LAHEURTE Maxime); 10 Italia II +2:23.1 (RUNGGALDIER Lukas – RUNGGALDIER Mattia).

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136