QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cles: manifestazione in piazza contro i vari tipi di violenza su donne e bambini

domenica, 15 febbraio 2015

Cles – Nella giornata di San Valentino, giorno degli innamorati, una piccola “rivoluzione” pacifica – per riprendere il claim dell’edizione 2015 della manifestazione, “Revolution” – affidata al corpo e alla danza, ha occupato festosamente le piazze di Rovereto, Arco, Cles e Trento per l’iniziativa “One Billion Rising”.
È la campagna globale per fermare tutti i tipi di violenza contro le donne e le bambine.  Chi credeva che il maltempo previsto sull’intera provincia potesse scoraggiare o rovinare la festa si è dovuto ricredere.
Incuranti del meteo poco clemeCles revolution 1nte, oggi si è svolta anche in Trentino la terza edizione di «One Billion Rising», campagna del movimento globale V-Day – lanciato dalla scrittrice Eve Ensler – che ha raccolto centinaia di trentine e di trentini per ribadire con forza il «no!» alla violenza sulle donne e bambine. 
A Trento la manifestazione si è tenuta in piazza Dante nel tardo pomeriggio. Sulle note della canzone «Break the Chain», inno della manifestazione, e con performance di canto e ballo i cittadini trentini – tante donne, certo, ma anche uomini, giovani e adulti – si sono uniti al miliardo di persone che oggi nel mondo hanno voluto urlare il loro «basta» a quella che, dati alla mano, può ritenersi a tutti gli effetti una piaga sociale.
Un fenomeno che stima in un miliardo nel mondo il numero e di donne e bambine che subisce violenza nell’arco della propria vita.
Una su tre in Italia, così come in Trentino. Nel 2013, infatti (ultimo dato disponibile), le denunce in provincia sono state 523, anche se per l’Istat è un numero che rappresenta solo la punta dell’iceberg, appena il 10 per cento del totale dei casi di violenza subiti dalle donne.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136