QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bormio dice addio alla Coppa del Mondo di discesa libera. Critiche dalla Regione Lombardia

martedì, 30 settembre 2014

Bormio – Ora è deciso. Bormio rinuncia alla Coppa del Mondo. La scelta è irrevocabile. Nonostante la volontà di Regione Lombardia a contribuire e andare incontro a richieste economiche superiori rispetto a quelle dello scorso anno per la realizzazione della Discesa libera maschile di Coppa del mondo di Sci di Bormio, la proprietà degli impianti di risalita, la Sib, ha deciso di non far disputare la gara.  L’annuncio dell’assessore allo Sport e alle Politiche per i giovani di Regione Lombardia Antonio Rossi ha colto di sorpresa anche se era da tempo che se ne parlava. .

OCCASIONE MANCATA sci alpino FedericoModica  universiade

“E’ una mancata occasione per la Lombardia e un danno grave per il sistema turistico-sportivo del territorio, di cui terremo conto n vista di futuri investimenti in area montagna”, è il commento di Rossi . “Ci dispiace – aggiunge – soprattutto perché Regione Lombardia aveva preso accordi con la Fisi per stabilire una strategia che potesse convincere la Fis a cambiare la data della gara, come richiesto dalla Sib. Con questa rinuncia sar? difficile dialogare con la Federazione internazionale e ottenere in futuro qualcosa da loro”.

BENEFICI LIMITATI E DANNI A LUNGO TERMINE

“Sono dispiaciuto per il fatto che non siano stati compresi l’impegno e l’opportunità messa in campo direttamente dal governatore Roberto Maroni” fa eco il sottosegretario di Regione Lombardia ai Rapporti Istituzioni regionali, Attuazione del Programma, Politiche per la Montagna, Programmazione negoziata, Macroregione delle Alpi e Quattro motori per l’Europa Ugo Parolo.

“Sono comprensibili tutte le criticità che possono aver portato ad una simile decisione da parte dell’operatore – prosegue Parolo -, ma forse non ? stato compiutamente valutato che la scelta effettuata rischia di portare benefici limitati a una stagione, ma danni di immagine e di opportunità di sviluppo del comparto turistico prolungati nel tempo”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136