QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bolzano, confronto tra Arno Kompatscher e Gudrun Hager sull’economia

mercoledì, 28 settembre 2016

Bolzano - La delegata austriaca per l’economia incontra Kompatscher. Gudrun Hager, delegata austriaca perl’economia, ha incontrato il presidente Komaptscher. Sottolineato il ruolo di “ponte” dell’Alto Adige.

kompatscer-hager

Il presidente Arno Kompatscher ha incontrato la delegata austriaca per l’economia, Gudrun Hager (nella foto  USP a lato e in apertura). La delegata austriaca per l’economia Gudrun Hager ha incontrato oggi il presidente della Giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher. “I legami economici tra l’Austria e l’Alto Adige non sono mai stati così stretti,” ha detto la delegata austriaca. “Questa tendenza – ha affermato – è confermata anche dai dati sugli scambi del primo semestre. Una possibile spiegazione è che in tempi di incertezza ci si rivolge più facilmente ai vicini”.

Nel secondo trimestre del 2016, infatti, le esportazioni dall’Alto Adige verso l’Austria sono arrivate a quota 117,4 milioni di euro, il 17,8% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Gudrun Hager ha preso servizio nel proprio ruolo di delegato per il commercio estero presso la Camera di Commercio d’Austria lo scorso 5 settembre, e la prima tappa delle sue visite è stata l’Alto Adige. Dal 2011-2016 Hager ha lavorato come delegato commerciale per la Svizzera e il Principato del Liechtenstein. Nel corso dell’incontro con Kompatscher, Hager ha elogiato la cooperazione nel settore dell’agricoltura, nonché la fusione tra Südtiroler Wirtschaftsring e Useb. “Una collaborazione che vada oltre i gruppi linguistici ha un forte valore simbolico ed evidenzia un forte spirito europeo”, ha detto.

Il presidente Arno Kompatscher ha sottolineato che l’orientamento “europeo” dell’Alto Adige è parte del suo programma e ha affermato che “farà il possibile affinché l’Europa, anche attraverso la salvaguardia del principio di libera circolazione di merci e persone, possa diventare più forte politicamente”. “Per quanto riguarda la funzione di ponte dell’Alto Adige – ha aggiunto il Landeshauptmann – la lingua è sicuramente una chiave, ma la nostra terra ha da offrire ancora di più. L’economia altoatesina può esercitare una funzione di mediazione per le imprese austriache che cercano di entrare nel mercato italiano”.

hager-kompatscher-10

 A questo riguardo Hager ha aggiunto: “Desidero che il ruolo di ponte dell’Alto Adige per il mercato italiano diventi ancora più forte. Trovo anche molto preziosa la competenza che qui si può trovare riguardo ai sistemi legislativi italiano e austriaco”. La delegata economica austriaca ha infine ringraziato per “l’atteggiamento positivo che gli operatori altoatesini hanno verso i partner austriaci. Non vedo l’ora di proseguire nella collaborazione e sono convinta che saremo in grado di organizzare una serie di eventi in rete”.

 

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136