QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Aprica, trenta sezioni e oltre 750 al 25esimo raduno dei Cai lombardi

venerdì, 2 giugno 2017

Aprica – Il CAI Aprica ha guidato i seniores lombardi alla scoperta di alcune meraviglie orobiche. Oltre 750 iscritti al CAI di trenta sezioni lombarde (più una altoatesina) si sono ritrovati all’alba all’Aprica per il 25° raduno regionale lombardo dei soci CAI seniores Anna Clozza. Organizzato dalla benemerita sezione aprichese del Cai, guidata da Lorenzo Della Moretta, l’evento si è svolto in una bella e fresca giornata.aprica gita cai 1

Dopo lo sbarco dai sedici pullman e dalle decine di auto giunte ad Aprica, si sono svolte le operazioni di registrazione presso il palazzetto dello sport poi, divisi in tre gruppi (rosso, giallo e blu), gli escursionisti sono partiti verso Malga Magnolta e si sono presto sparpagliati a centinaia, rispettivamente lungo il sentiero del Tumèl (130-150), il sentiero del Legno (più di 400) e il sentiero del Veneròcolo fino a Malga Magnola (un centinaio); gli ultimi due saliti in cabinovia fino alla Magnolta. I gruppi dei partecipanti erano accompagnati da numerosi soci del CAI aprichese, sebbene i percorsi fossero fittamente bandierati, ognuno col suo colore, e fosse praticamente impossibile sbagliare tragitto. Tra le cose che le guide hanno aiutato gli ospiti a scoprire, anche un magnifico esemplare di Gentiana kochiana albina. Un quarto gruppo è rimasto in paese e ha visitato i murales di alcune contrade, al seguito della dottoressa Laura Caspani.

Soddisfatti i soci del Cai, in particolare quelli che hanno raggiunto il rifugio CAI Valtellina (1920) e poi, in successione, i laghi del Palabione. Quello superiore (l’originale, a 2109 metri) ha rappresentato la meta più gradita e ha visto fotografie a centinaia, specialmente perché ancora coperto dal ghiaccio e per le vette aprichesi (Pasò e Filone) screziate di abbondante neve che tentavano di specchiarvisi. Quindi il ritorno in Magnolta attraverso il collegamento sciistico Gran Via del Gallo, la discesa a valle, i saluti dei rappresentanti dei gruppi principali, del presidente Della Moretta e del sindaco Carla Cioccarelli.Aprica 1

Al brindisi, il sindaco, il presidente CAI e l’alpinista emerito don Augusto Azzalini hanno salutato i graditi ospiti, invitandoli ovviamente a tornare e a visitare le altre meraviglie aprichesi e orobiche.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136