QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica: i riflettori di Linea Bianca sulla località delle Orobie Valtellinesi. Il racconto

sabato, 4 febbraio 2017

Aprica – La località delle Orobie Valtellinesi è stata protagonista oggi della trasmissione televisiva di Rai 1 Linea Bianca: tradizioni, attività ed eventi sono state raccontate da Massimiliano Ossini e Alessandra del Castello con i protagonisti della stazione sciistica.

Poco dopo le 14.05 è iniziato l’ampio servizio di Linea Bianca con la presenza di Bernardo Pedroni, aprichese, biologo dell’Osservatorio eco faustico di Aprica, quindi le interviste a Luisa Meragalli, al campione di sci alpinismo Michele Boscacci e a persone che hanno fatto la storia della stazione turistica valtellinese.

Il popolare programma di Rai 1 ha preso il via dall’Osservatorio eco faunistico, con il biologo Bernardo Pedroni che ha illustrato l’attività: qui gli stambecchi che scendono a valle e sono ben visibili ai turisti che durante il soggiorno nella località turistica visitano l’oasi. Poi il passaggio con viticoltori, cantine vinicole e imprenditori aprichesi: l’agronomo Vittorio Bruni ha illustrato l’attività, mentre l’esperto di politica di montagna, il professor Gregori, ha spiegato l’equilibro che ha raggiunto la località delle Orobie Valtellinesi: “Qui – ha detto il professor Gregori – grazie agli interventi e all’integrazione tra turismo, agricoltura e servizi non c’è stato lo spopolamento, anzi gli abitanti sono cresciuti nel corso degli anni”.

Aprica 1

Quindi il ritorno all’Osservatorio con il biologo Luisa Meregalli, che ha svelato alcune curiosità e specie che vengono custodite nell’Osservatorio, tra cui un rapace, una poiana e un orso bruno. “Quest’inverno – ha spiegato Luisa Meragalli – è anomalo e l’orso non è ancora andato in letargo”.

La pesca e le tradizioni nella seconda parte del programma, con i racconti di Claudio Negri ed Eleonora Tagliaferri, che hanno illustrato l’attività di un tempo, dagli alpeggi a quelle domestiche  per arrivare al “Sunà de mars”, la manifestazione che segna il passaggio dall’inverno alla primavera.

L’ultima tappa è con i maestri di sci e Luciano Stampa dell’AMSI, con accanto i maestri, ha presentato il Comprensorio sciistico, i ragazzi ai Campetti e lo scultore Andrea Fanchi. Alle 15 in punto la conclusione della puntata dedicata ad Aprica da Linea Bianca.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136