QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Alpbach, le Camere dell’Economia premiano le nuove generazioni di scienziati. Bort: “Coinvolgere i giovani”

martedì, 23 agosto 2016

Alpbach – Forum europeo Alpbach, le Camere dell’Economia dell’Euregio premiano le nuove generazioni di scienziati. Negli ultimi anni le tradizionali Giornate del Tirolo, organizzate nell’ambito del Forum Europeo Alpbach, sono diventate punto di incontro e vetrina del mondo della ricerca dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Il tema dell’edizione 2016 “Il successo economico attraverso il rafforzamento e l’accelerazione delle catene di innovazione nella regione europea” tocca un aspetto chiave dell’economia e della società (Nella foto da sinistra: Konrad Bergmeister (Presidente della Libera università di Bolzano),
le vincitrici Ksenia Morozova e Daniela Lobenwein, il terzo classificato  Michael Volgger,
Michl Ebner (Presidente della Camera di Commercio di Bolzano).Alpach - Foto vincitori - Roland Mühlanger

Durante le Giornate di quest’anno, che si sono svolte il 20 e 21 agosto scorsi, è stato assegnato il Premio giovani ricercatori Euregio, un’iniziativa delle Camere di Commercio di Trento e di Bolzano e della Camera dell’Economia del Tirolo.

“Il nostro obiettivo è quello di coinvolgere le nuove generazioni di scienziati in importanti discussioni sul futuro della nostra regione”, spiega Giovanni Bort, Presidente della Camera di Commercio di Trento, che aggiunge: “Con il premio giovani ricercatori le Camere dell’economia e di commercio dell’Euregio intendono dare un contributo concreto al mondo della ricerca. Finora i riscontri sono stati molto soddisfacenti. Dobbiamo impegnarci anche in futuro affinché i migliori cervelli rimangano nell’Euregio e attuare inoltre tutte le misure necessarie per attirare nuove eccellenze.”

Il primo premio è stato conferito quest’anno ex aequo a Daniela Lobenwein con Can Tepeköylü dell’Università di medicina di Innsbruck per la loro attività di ricerca sul trattamento a onde d’urto che riduce la degenerazione neuronale nelle ischemie del midollo spinale e a Ksenia Morozova della Libera università di Bolzano per la sua ricerca nel settore della tecnica alimentare sulla determinazione del valore energetico isotermico attraverso il monitoraggio del metabolismo energetico dell’uva nella fase di appassimento. Il terzo premio è andato a Michael Volgger dell’Accademia europea di Bolzano, con la sua ricerca sulla realizzazione di innovazioni nel settore turistico.

“Per assicurare il futuro benessere è importante continuare a incentivare la ricerca e le innovazioni nell’Euregio”, sottolinea Michl Ebner, Presidente della Camera di Commercio di Bolzano, aggiungendo: “I giovani ricercatori e ricercatrici trovano ad Alpbach una piattaforma unica nel suo genere per presentare i loro progetti e avere un confronto con nomi illustri del mondo scientifico e di quello politico.”

Gli altri finalisti dell’edizione di quest’anno del premio giovani ricercatori sono stati Marco Brighenti (Università di Trento), Judith Schicklinski (Libera università di Bolzano), Katharina Crepaz (Istituto di diritto e politiche sociali Max Planck) e Roberta Rosa (EURAC).

“Le università, i politecnici e gli enti di ricerca sono una colonna centrale e un importante motore di innovazione nel sistema economico regionale. Con il premio giovani ricercatori intendiamo fornire degli impulsi e garantire alla nuova generazione di scienziati il giusto riconoscimento per il loro lavoro”, sottolinea Jürgen Bodenseer, Presidente della Camera dell’Economia del Tirolo.

Il premio giovani ricercatori è stato istituito nel 2012 dai Presidenti dei tre Enti camerali dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Quest’anno è stato conferito per la quinta volta da una giuria di esperti presieduta da Konrad Bergmeister, Presidente della Libera università di Bolzano. Possono parteciparvi giovani ricercatori e ricercatrici, fino al compimento dei 35 anni, che provengano dall’Euregio o che vi lavorino presso un’università, un politecnico o un ente di ricerca.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136