QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

All Mountain Enduro: Trans-Rezia ha raggiunto Arnoga

martedì, 23 agosto 2016

 Arnoga – Si è conclusa ad Arnoga la seconda giornata  di “Trans-Rezia”, l’evento di regolarità ‘All Mountain Enduro’ attraverso gli spettacolari scenari della Valtellina e della Val Poschiavo. I bikers hanno affrontato tre prove speciali cronometrate, partendo dalla cittadina di Bormioed oltrepassando montagne simbolo quali il Monte Umbrail e lo Stelvio, sempre accompagnati da uno splendido sole e da temperature ideali per la pratica sportiva. Buona parte del suggestivo tracciato ha toccato lo spettacolare Parco Nazionale dello Stelvio, esteso per oltre 130mila ettari ed istituito nel lontano 1935.mtb

Collocato nel cuore delle Alpi Centrali, lo Stelvio è un tipico parco montano d’alta quota: per circa tre quarti il suo territorio è al di sopra dei 2000 metri e raggiunge un massimo di 3905 metri sulla cima dell’Ortles.

E’ caratterizzato da un susseguirsi di cime impervie e di vastissime superfici glaciali. Le aree di fondovalle sono caratterizzate dalla presenza di prati da sfalcio mentre i versanti sono dominati da boschi di conifere. Successivamente, si raggiunge la prateria alpina che, con l’aumento della quota, si fa sempre più discontinua per cedere il passo a quelle specie che crescono come esemplari isolati. Il Parco, che si estende sul territorio di ben 24 comuni e di 4 province, include un’ampia varietà morfologica e di ecosistemi. Numerosissimi animali vi trovano rifugio ed è anche grazie a questo parco naturale che alcune specie in via di estinzione sono protette ed accudite. L’offerta ricettiva è davvero ampia in tutte le valli del Parco ed è in grado di soddisfare anche il turista più esigente, dodici mesi l’anno.Gli indomiti escursionisti di “Trans-Rezia” si sono spinti poi verso le spettacolari Dighe di CancanoValdidentro, perla turistica delle Alpi sia in estate che in inverno, ed hanno percorso parte della suggestiva Decauville prima di giungere al traguardo posto in località Arnoga. Tale località è particolarmente apprezzata dagli sportivi e dagli amanti della montagna per la posizione strategica e privilegiata. Arnoga ha una caratteristica fondamentale: è attraversata da una strada sterrata che collega la val Fraele con la val Viola. Questa strada, denominata appunto Decauville, è in parte inserita nel Parco Nazionale dello Stelvio e si sviluppa da Arnoga verso la val Viola per due chilometri circa e da Arnoga verso la val Fraele per una decina di chilometri.

La caratteristica fondamentale della Decauville è data dal fatto che, lungo tutti i suoi dodici chilometri, mantiene una quota costante a 1870 m.s.l.m. A seguire, verso la val Viola, la Decauville lascia spazio a due importanti direttrici: una che, attraverso il passo Verva, collega la val Grosina e l’altra che, dopo aver attraversato tutta la val Viola e superato l’omonimo passo, entra in territorio svizzero. Dal lato opposto, verso la val Fraele, la Decauville incrocia l’antica Via Imperiale d’Alemagna che dal bormiese raggiunge appunto la val Fraele. La Decauville è unica: non esiste sulle Alpi un altro tracciato con queste caratteristiche. Nella giornata di domani, mercoledì 24 agosto, “Trans-Rezia” sconfinerà in Svizzera.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136