QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

24° Bike Festival, Riva del Garda abbraccia il popolo della marathon: successo di Pernsteiner

sabato, 29 aprile 2017

Riva del Garda – E’ sempre difficile far convivere le esigenze della viabilità con un evento ciclistico, ma sembra che il 24° Bike Festival sia riuscito anche in questa impresa. La Rocky Marathon, la gara più attesa del programma con oltre duemila partecipanti che stamani hanno invaso il centro storico di Riva del Garda, si è tramutata in una vera e propria festa che ha coinvolto la cittadinanza, gli operatori, i commercianti.

fLa nuova partenza della prova, fissata nel centralissimo Viale Dante, è stata immortalata dalle immagini aeree come un momento davvero entusiasmante per il Garda Trentino, esaltando la vocazione ciclistica di un territorio straordinario. Qualche disagio inevitabilmente c’è stato, come sempre accade in queste manifestazioni, ma di certo la nuova dislocazione della partenza ha coinvolto la città, rendendola profondamente partecipe dell’importanza e del valore del Bike Festival, che in quattro giorni porta nell’Alto Garda non meno di 40.000 visitatori.

Al di là dell’euforia generalizzata dell’evento di massa, la Rocky Marathon è stata come sempre anche una sfida di altissimo contenuto tecnico vista la presenza di un nutrito gruppo di atleti professionisti al via. Ad imporsi è stato l’austriaco Hermann Pernsteiner (Photo Henning Angerer), giunto solitario sul traguardo della Ronda Extrema in 4h29’47”, davanti allo svizzero Urs Huber (per il quinto anno consecutivo sul podio, tre volte da vincitore) e all’altro austriaco Alban Lakata. Ad un passo dal podio il migliore degli italiani, Riccardo Chiarini; brillanti anche Juri RagnoliSamuele Porro e Damiano Ferraro, ottavo, nono e decimo rispettivamente. Elvetica la vincitrice al femminile, Hielke Elferink.

Oltre alla Marathon, la giornata è stata animata dallo show di Tom Oehler sul palco dell’Expo ed è proseguita in gloria fino a notte fonda con l’Open Night, la grande festa che ha coinvolto espositori, visitatori e atleti con il Rider Party. Interessanti anche le gare della Garda Trentino Pump Battle, disputate davanti alla Rocca di Riva del Garda che hanno impegnato i biker provenienti da tutte le discipline della MTB (Downhill, 4X, Enduro e Cross Country) in duelli appassionanti. Il titolo di “Pump Battle King of Riva” è andato all’italiano Nicholas Okoh in campo maschile e alla tedesca Steffi Marth tra le donne.

Domani, domenica, nella terza giornata del Bike Festival, da seguire la Bosch eMTB Challenge, la nuova competizione sulla distanza di 38 chilometri (1100 metri di dislivello) che combina elementi di enduro, trail e orientamento ed è riservata ai biker che utilizzano la bici a pedalata assistita. Un percorso spettacolare ed esigente, con partenza da Brentonico raggiungibile impiegando il servizio shuttle, attende invece i 300 partecipanti alla Scott North Lake Enduro.

Longo vittima del freddo alla Rocky Mountain di Riva: buona prestazione per Debertolis, che chiude 23°

Giornata difficile, quella odierna, per il capitano della Wilier Force Tony Longo, impegnato assieme a Massimo Debertolis alla Rocky Mountain Garda Trentino Marathon, gara di 93 chilometri con 3800 metri di dislivello e tanti grandi nomi della mountain bike marathon al via.

Longo ha accusato problemi dovuti al freddo già lungo la prima discesa, dove il termometro segnava -3°. Il forte atleta trentino, in quel momento, si trovava nel gruppo di testa, ma non riusciva più a guidare la bici. A quel punto, ha preferito attendere il compagno di squadra Massimo Debertolis e terminare la gara assieme a lui. «Le prime tre ore di gara erano tutte all’ombra e la temperatura era molto più bassa di quanto ci aspettassimo – spiega Debertolis al termine della propria fatica – Per il resto la gara era molto bella: tecnica ed estremamente dura».

A fronte di ciò e del qualificato elenco dei partenti, va preso come un buon risultato il 23° posto di Debertolis, seguito in 24ª posizione da Longo. Il successo è andato a Hermann Persnteiner in 4h29’47” su Urs Huber ed Alban Lakata, staccati di 1’33”.

Tornando alle gare di martedì 25 aprile, da segnalare il buon secondo posto tra gli under 23 (quinto assoluto) del fassano Nicolò Matordes alla gara di cross country valevole per le classifiche della Suedtirol Cup disputata a Egna. Domani la Wilier Force sarà nuovamente impegnata in corsa al Gaerne Mountain Bike Trophy di Maser, in provincia di Treviso.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136