QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

10 Giorni Equestre, Turchetto senza limiti: centra la cinquina. Con Abracadabra domina il Premio Scuola Alpina Guardia di Finanza

venerdì, 11 luglio 2014

Predazzo – L’edizione numero 38 della 10 Giorni Equestre passerà sicuramente alla storia per lo strapotere del cavaliere novarese di Borgomanero Roberto Turchetto che nei primi 6 giorni di gara, con i suoi cavalli della sua scuderia, si è aggiudicato le 5 sfide più importanti di ogni giornata, tranne il Gran Premio di domenica.Ippica Predazzo

Un dominio incontrastato per Turchetto, che ha centrato la vittoria anche nel Premio Scuola Alpina Guardia di Finanza della categoria 140 in sella ad Abracadabra, infliggendo, al termine dei 10 salti e dei 12 sforzi previsti dal percorso, quasi un secondo al cavaliere di fama internazionale Roberto Arioldi su Loro Piana Utile. Proprio Arioldi qualche lustro fa era risultato mattatore di Predazzo Show Jumping, come quattro anni fa il modenese Lorenzo De Luca, ma nessuno era riuscito a realizzare una sequela simile, e non è ancora finita. Merito dello straordinario stato di forma dei suoi cavalli e dalla capacità di motiv arli di Turchetto.  In terza piazza ha poi concluso il modenese Paolo Paini su Fleur Van De Roshoeve, con un ritardo di due secondi esatti dal binomio vincitore, quindi Lucio Pozzani su Indien Du Marais ed Andrea Campagnaro su Antartica Ter Doorn. Seguono con nessuna penalità Nicole Marascalchi su Atlodetto Fz e Gianluca Senese su Cash De Laubry Z.

“Non mi aspettavo di ottenere questa sequenza di vittorie – racconta a fine gara Turchetto – e il merito va tutto ai miei cavalli, che con questo clima mite e rilassante riescono a dare il meglio di loro e io posso sfruttare le loro caratteristiche di garisti. Il massimo sarebbe centrare un successo nel Derby di domenica”.

Nella prima giornata del Concorso A a cinque stelle è arrivata pure la splendida vittoria di Giulia Martinengo Marquet, una delle amazzoni italiane maggiormente rappresentative. La portacolori dell’Aeronautica Militare, nata a Treviso ma residente nel br esciano, in sella a Randon Pleasure ha infatti lasciato il proprio sigillo nel Premio Ferraro Allestimenti della categoria C135 mista chiudendo la sua prova senza errori e con un tempo particolarmente veloce di 37”12, precedendo Paolo Paini su clodia Csg e il veterano Roberto Arioldi su Nocciolina Della Loggia.

Nelle altre sfide di giornata affermazione per la bresciana di Manerbio Paola Carnovali su Mulan nel Premio Equisport della categoria  120 a tempo, davanti a Federica Miotto su Artù AM, per soli 7 centesimi, quindi su Edoardo Bonomi su Fandika. Nella categoria 130 si è poi imposto il binomio formato dall’amazzone trevisana di Casale sul Sacile Matilde Rossini in sella a Prisco Baio, capace di infliggere 29 centesimi a Simona Donolato su Itro. Nella categoria 6 anni a fasi consecutive si è invece imposto Giovanni Consorti su Pastell Vg, davanti alla trentina Manuela Baldessarini su I-Callaghan XXX. Infine nel Premio Rinco Nole ggi della categoria C115 il successo ha arriso a Carlotta Rinaldi su Kadour De Kersalou.

Domani seconda giornata di gare per il concorso Nazionale A a cinque stelle, con le prime sfide già alle 9 del mattino e con la gara più importante, ovvero il Gran Premio Cassa Rurale di Fiemme della categoria C145 previsto verso le 16.30.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136