QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Weekend primaverile sugli sci: condizioni ideali nei comprensori alpini. Previsioni meteo e campi ARTVA in Alto Adige

giovedì, 10 marzo 2016

Passo Tonale – Sarà un weekend tipicamente primaverile al Nord e nei principali comprensori sciistici. Condizioni ideali per gli amanti della neve, attesi in numerosi in questo fine settimana nei comprensori alpini dopo gli ultimi weekend di maltempo. A Pontedilegno-Tonale, Madonna di Campiglio, Saint Moritz, Madesimo, Pejo, Aprica, Montecampione e tutte le altre stazioni, lo zero termico si aggirerà intorno ai 1000/1200 metri per poi alzarsi a oltre 2mila metri di giorno. Sole, poche nuvole sparse e temperature gradevoli ovunque, aggiunte alla neve che nelle ultime settimane è caduta abbondante praticamente ovunque in quota.passo tonale neve

La prossima settimana il sole continuerà a dominare il Nord dove si respirerà aria di Primavera, ancora piogge sparse invece al Sud e qualche temporale sulle due isole maggiori. Tra mercoledì 16 e giovedì 17 le previsioni danno possibilità di ritorno della neve fino in pianura al Nord, a causa dell’ingresso di venti gelidi continentali.

“Rischio zero in montagna”: campi ARTVA per le valanghe in Alto Adige

Anche in Alto Adige resta attuale il rischio slavine. Per informare e sensibilizzare gli amanti della montagna sul corretto comportamento da tenere in caso di valanghe, la Provincia sostiene sei campi di addestramento ARTVA in altrettante zone sciistiche.

15 minuti: è di norma il tempo di sopravvivenza di un essere umano sotto una valanga, “e proprio in quei primi attimi diventa fondamentale la capacità di intervento non solo delle squadre di soccorso, ma anche di altre persone non direttamente colpite dalla slavina”, osserva il presidente della Provincia Arno Kompatscher, competente in Giunta in materia di alpinismo. Un comportamento corretto, infatti, “aumenta in maniera considerevole le possibilità di sopravvivenza, e con la costante crescita degli appassionati di sci alpinismo, si stanno diffondendo sempre più anche le apparecchiature e le attrezzature necessarie a questo scopo.”

Ma anche se le moderne tecnologie offrono un aiuto concreto, spesso non sono sufficienti, soprattutto se manca la formazione necessaria per un loro utilizzo corretto. Per questo motivo, in sei comprensori sciistici altoatesini, grazie al supporto finanziario e promozionale della Provincia e a quello logistico dei gestori degli impianti di risalita, sono stati realizzati dei veri e propri campi di addestramento (superficie 80 metri per 80, altitudine tra 1.900 e 2.800 m) all’interno dei quali è possibile simulare le dimensioni di una valanga e testare il funzionamento della propria attrezzatura per facilitare i soccorsi. Uno degli strumenti più efficaci da questo punto di vista è l’ARTVA (apparecchio di ricerca dei travolti in valanga), che consente ai soccorritori di individuare e localizzare una persona.

I campi di addestramento di Ladurns, Plan in val Passiria, Plose, Dolomiti di Sesto, Piz Sella e Solda offrono la possibilità di partecipare gratuitamente ai corsi e mettono a disposizione degli interessati tutta l’attrezzatura necessaria. Le stazioni sono segnalate con cartelli informativi e indicatori. Tra le iniziative in programma si segnala il 20 marzo il camp a Plan (iscrizioni e informazioni tel. 0473 646721, skiliftpfelders@rolmail.net) e le domeniche di esercitazione nell’area della Plose (iscrizione Scuola di sci Plose, tel. 0472 850040).
Info sui campi di addestramento: http://www.montagnarischiozero.bz.it/


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136