QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Vione: oggi l’addio all’ex sindaco, maestro e poeta Marino Tognali

martedì, 23 dicembre 2014

Vione – Addio a Dino Marino Tognali. Si è spento all’età di 86 anni lo storico poeta e amministratore del paese camuno. La figura di Dino Marino Tognali è tra le più conosciute della Valle Camonica e  Bresciano e per oggi ( alle 14.30 saranno celebrati i funerali) il Comune ha proclamato il lutto cittadino. Nato a Vione il 30 dicembre del 1928  Dino Marino Tognali ha ottenuto la maturità magistrale all’Istituto Gambara di Brescia, alpino della Tridentina a Merano, nel 1957 si era sposato con Giulia Riva che gli ha dato due figlie, Ornella e Graziana. Dal 1953 ha insegnato prima come supplente agli istituti Lamarmora e Manzoni di Brescia, quindi a Bornato. Dal 1957 il ritorno in Valle Camonica, alle scuole elementari di Canè e Vione dove ha ricoperto l’incarico fino agli anni Novanta quando andò in pensione. Nel 1992, il Ministero della Pubblica Istruzione gli aveva conferito la Medaglia d’Oro.

Il ruolo di amministratore: nel 1960 era entrato nell’amministrazione del suo Comune, Vione, ed era stato eletto sindaco riproponendosi poi nella tornata seguente, ma come semplice consigliere di maggioranza. Nel 1970 è eletto nuovamente sindaco e si ripropose nel 1980, carica riconfermata dal 1985 al 1990. Nel 1987  fonda uno dei più ricchi e rappresentativi musei etnografici presenti sul territorio bresciano “‘L Zuf” (Il giogo) scrive numerose opere in dialetto camuno, quindi diventa punto di riferimento per la Valle Camonica come storico e ricercatore di Tradizioni Popolari. Dino Marino Tognali era anche Accademico del GISM (Gruppo Scrittori di Montagna).


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136