QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Verso il Natale, le tradizioni che rinnovano: a Monno gli antichi canti dei 18enni

martedì, 18 novembre 2014

Monno – Si avvicina il Natale a grandi passi e numerose sono le storie e le tradizioni che vengono riproposte in Alta Valle Camonica. Alcuni vengono preparati con anticipo, altri invece  coinvolgono un gruppo di giovani o per età.

Una degli eventi natalizi è quello di Monno: i giovani diciottenni si recano sul campanile a cantare una nenia antica chiamata “SU SU PASTORI” inframezzandola col suono dell’allegrezza. Secondo gli organizzatori sembra un rito di iniziazione.Tradizioni Monno

Invece nel giorno dell’Immacolata – sempre a Monno – i giovani coscritti che compiono i 18 anni girano per il paese raccogliendo uova e donando deliziose sorsate di vino distribuito nella scodella ai compaesani e alla sera le sbattono realizzando la classica rusumada.

Tra le curiosità che possono interessare in questo periodo spicca la preparazione  e lavorazione di tappeti. Infatti a Monno vi sono in due case dei telai a mano ottocenteschi ancora funzionanti che realizzano tappeti e possono essere visitati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136