QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Valle di Saviore: Polstrada di Darfo Boario e vigili del fuoco di Edolo parlano di prevenzione ai giovani

domenica, 14 giugno 2015

Valle di Saviore –  Una serata per la vita, di prevenzione e per conoscere i rischi di alcuni comportamenti alla guida dell’auto. Ieri sera – nella chiesa di Valle, a Saviore – si è tenuto un incontro con i giovani della zona, organizzato dall‘associazione camuno-sebino “La Linea della Vita” e dalla Comunità e amministrazione di Saviore, con in prima linea Elisa Tosa, consigliere comunale con delega a Scuola, Servizi alla persona e giovani.

Oltre a Elisa Tosa erano presenti il parroco di Saviore, che ha concesso la chiesa per l’incontro, quindi i responsabili dell’Associazione “La Linea della Vita”, i vigili del fuoco del distaccamento di Edolo e due agenti della Polizia Stradale di Darfo Boario Terme.

Incontro polizia stradale e vvf edolo

Elisa Tosa ha introdotto la serata, quindi la parola è passata agli agenti della Polizia Stradale che anche attraverso delle slides hanno evidenziato i comportamenti da tenere alla guida dell’auto.

I dati degli ultimi anni mostrano che sulla statale 42 gli incidenti sono in aumento, poi ci sono persone che si mettono alla guida in stato di ebbrezza alcolica o che hanno comportamenti non corretti alla guida (sorpassi azzardati, alta velocità ad esempio).

Mentre i vigili del fuoco del distaccamento di Edolo hanno illustrato i rischi che si hanno sulla strada, le valutazioni da compiere in base anche alle condizioni meteo e infine la fotografia di alcune situazioni accadute in Alta Valle Camonica. Al termine sono state poste delle domande ai relatori.

Incontro Cevo 1L’Associazione “La Linea della Vita” proseguirà la campagna di informazione e prevenzione degli incidenti sulla strada con altri incontri in Valle Camonica e sul territorio sebino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136