QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Omicidio a Niardo, uomo accoltella moglie e figlia: muore donna

venerdì, 17 aprile 2015

Niadro – Ancora un episodio di violenza in famiglia: è successo in Valle Camonica, nella serata di oggi. A Niardo, un uomo, Tullio Lanfranchi, 60 anni, originario di Erbanno, ha ucciso a coltellate la moglie e ferito in modo serio la figlia, Alice, di 18 anni, ed è già stato fermato dai carabinieri.CARABINIERI LARGE

La moglie dell’uomo, Gloria Trematerra, 55 anni, di origine napoletana ma residente in Valle Camonica da diversi anni, colpita con più coltellate su tutto il corpo, è morta poco dopo l’arrivo all’ospedale di Esine. Grave ma non in pericolo di vita invece la figlia 18enne, ferita con due fendenti e ricoverata all’ospedale di Esine in codice giallo pochi istanti prima delle 21.

Sarebbe stata lei secondo la prima ricostruzione a dare l’allarme. Sul posto i carabinieri, gli uomini del 118, della Camunia di Darfo Boario e dell’Arnica di Berzo Demo. All’origine dell’accoltellamento nell’appartamento del primo piano di via Nazionale 15, ci sarebbe una lite in famiglia.

LA SITUAZIONE DIFFICILE E LA CONVENZIONE FIRMATA DAL SINDACO
La vittima era un’insegnante di Lingue al liceo di Breno. La coppia ha anche un secondo figlio, di 21 anni, assente al momento della tragedia. Gli atteggiamenti violenti del padre erano già noti ed erano stati denunciati, tanto che l’insegnante e la figlia 18enne da poche settimane vivevano in una struttura protetta.

La convenzione per il trasferimento delle due donne nella casa protetta era stata firmata dal sindaco di Niardo, Carlo Sacristiani. L’uomo era attualmente disoccupato dopo la chiusura dell’azienda per la quale lavorava come operaio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136