QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: sette Comuni a rischio infrazione UE per la depurazione dell’acqua

venerdì, 5 giugno 2015

Edolo – Rischio multe per i Comuni che non hanno completato il collettamento e la depurazione dell’acqua. A distanza di alcuni mesi è giunto dall’Unione Europea un nuovo messaggio e c’è il rischio di un avvio di procedura d’infrazione – quindi sanzioni – da parte dell’Unione Europea per non aver adeguato ai parametri continentali i sistemi di depurazione. In Valle Camonica i Comuni a rischio infrazione sono: Bienno, Borno, Capo di Ponte, Cedegolo, Darfo, Edolo e Malonno.

Per cercare di evitare sanzioni e mettersi al passo con le opere di collettamento, la provincia di Brescia – che ha sotto rischio infrazione 63 Comuni –  vedrà, entro la fine di settembre, l’istituzione di un gestore unico del servizio idrico. Si tratterà dell’unico soggetto in grado di sostenere, attraverso le tariffe, gli investimenti necessari per la depurazione delle acque.Casa Acqua Life

Il tutto in vista di una società unica pubblico-privata che unirà la Provincia di Brescia, Aob2, A2A, Asvt, Vallecamonica Servizi e Garda Uno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136