QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: fiume Oglio in piena e 13 aree a rischio. Altri tre giorni di forti piogge: massima allerta a Sonico

domenica, 9 novembre 2014

Breno – Ben 13 aree della Valle Camonica tenute sotto controllo, fiume Oglio in piena e alto il livello per afflusso nel lago d”Iseo. Dopo la tregua di ieri e oggi domani tornerà una fase perturbata con piogge e nevicate oltre i 2000 metri di quota.

Intanto il lago d’Iseo è su livelli alti, negli ultimi giorni l’Oglio ha scaricato nel lago ben 33 milioni di metri cubi di acqua, facendo salire il livello del bacino da 51 a 77 centimetri sopra lo zero idrometrico.  Con un portata di 382 metri cubi al secondo, 22mila 920 metri al minSonico Val Rabbia (1)uto e 1 milione 375 mila l’ora. Il Consorzio dell’Oglio ha così aumentato i deflussi da Sarnico verso la pianura, saliti da 57 metri cubi al secondo a 241 metri cubi al secondo. Il riempimento dell’invaso al momento ha raggiunto il 78% in tutta sicurezza anche in previsione delle altre precipitazioni che si verificheranno nei prossimi giorni.

RISCHIO IDROGEOLOGICO

In Valle Camonica sono 13 le aree a rischio, tra Sonico e Pisogne. La situazione tenuta sotto controllo maggiormente è l’area di Sonico, della Val Rabbia e torrente Re. Numerosi  gli interventi realizzati sull’alveo e sulle sponde del fiume Oglio e sui suoi affluenti. Criticità rimangono comunque ancora in diverse aree, in particolare a Malonno, Breno e tra Darfo e di Boario.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136