QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: norme per la raccolta funghi, gratis per i residenti e costo tesserino. Quattro centri di consulenza micologica

mercoledì, 7 giugno 2017

Breno – La Comunità Montana di Valle Camonica ha attivato anche nel 2017 tutte le iniziative concernenti il Regolamento Comprensoriale per la raccolta funghi epigei. Il direttore del settore Foreste e Bonifica della Comunità Montana Valle Camonica, Gian Battista Sangalli, sottolinea: “Verranno attivati nel mese di agosto quattro centri di consulenza micologica a Borno, Edolo, Vezza d’Oglio e Ponte di Legno”. Inoltre saranno effettuate lezioni micologiche in 49 classi delle scuole medie ed elementari per un totale di circa 898 alunni. A breve inizierà la distribuzione dei blocchetti dei permessi negli esercizi commerciali convenzionati che quest’anno ammontano a 68. La raccolta funghi è gratuita per i residenti in Valle Camonica.funghi

CENTRI DI CONSULENZA MICOLOGICA ISPETTORATI MICOLOGICI A.T.S. DELLA MONTAGNA
ART. 1 – IDENTIFICAZIONE TERRITORIALE
Il territorio dei Comuni interessati dal presente Regolamento, coincidente con il territorio della Comunità Montana di Valle
Camonica, viene individuato come unico comprensorio omogeneo ai fini della raccolta dei funghi in tutte le loro molteplici varietà.-
ART. 2 – USI CIVICI, CONSUETUDINI, TRADIZIONI
L’esistenza degli usi civici, conservata nelle consuetudini e nelle tradizioni delle popolazioni residenti in montagna, riguarda anche
i prodotti del sottobosco che rappresentano una componente e fonte rilevante dell’economia locale, come viene espressamente
riconosciuto dalle leggi precitate.- Tali antichi diritti vengono riconosciuti nel successivo art. 5.
ART. 3 – MODALITÀ DI RACCOLTA
1) In tutto il territorio della Comunità Montana di Valle Camonica la raccolta avviene secondo le modalità previste dalla legge
352/93 e secondo le disposizioni di cui all’art. 98 della L.R. 5 dicembre 2008 n. 31 e s.m.i.;-
2) La raccolta è vietata nei casi previsti dall’art. 100 della L.R. 31/08 e s.m.i..-
ART. 4 – QUANTITÀ
Il limite giornaliero pro-capite è determinato in Kg. 3, salvo che tale limite sia superato da un unico esemplare.-
ART. 5 – AUTORIZZAZIONE ALLA RACCOLTA
1) La raccolta dei funghi nel territorio della Comunità Montana di Valle Camonica, così come individuato dall’art. 1 del presente
Regolamento, è subordinata all’esibizione della ricevuta di avvenuto pagamento di un contributo indicante il giorno o il periodo
di riferimento.
2) Il contributo spettante per la raccolta su tutto il territorio dei Comuni della Comunità Montana di Valle Camonica è il seguente:
TIPO DI PERMESSO IMPORTO VALIDITÀ
giornaliero 8 euro 1 giorno
settimanale 20 euro, 7 giorni
mensile 40 euro, 30 giorni
annuale 70 euro 1 gennaio – 31 dicembre
3) Il versamento avviene tramite:
- Bollettino postale;
- Bonifico bancario;
- Versamento diretto presso i soggetti autorizzati dalla Comunità Montana.
I contenuti obbligatori della causale di versamento sono:
L.R. 31/2008 art. 97 e successive modifiche ed integrazioni – Contributo per la raccolta dei funghi epigei.
4) Richiamato l’art. 2 del presente Regolamento e prendendo atto che la maggior parte dei boschi della Valle Camonica sono
soggetti a usi civici di varia natura e che i medesimi boschi risultano tutti gestiti tramite Piani di Assestamento silvo-pastorali,
sono esentati dal pagamento del contributo i proprietari di boschi ed i titolari di diritti di uso civico sui boschi dei Comuni della
Comunità Montana di Valle Camonica, così come individuati nei Piani di Assestamento dei beni silvo-pastorali dei Comuni e
delle proprietà collettive e, sul terreno, dai segni di confine delle particelle assestamentali.-
REGOLAMENTO COMPRENSORIALE PER LA RACCOLTA DEIFUNGHI EPIGEI 2017
Legge 23 Agosto 1993 n. 352 e Legge Regionale 5 dicembre 2008 n. 31, titolo VIII e s.m.i.
Approvato dall’Assemblea della Comunità Montana di Valle Camonica
con Deliberazione n. 8 in data 28.04.2016
Potranno rivolgersi gratuitamente ai centri aifini delriconoscimento delle specie e dell’accertamento
della commestibilità dei funghi solo i raccoglitori in regola con il pagamento dei permessi di
raccolta, da esibire al micologo, ovvero residenti in Comuni della Valle Camonica.
BORNO
Palazzo Municipale - Micologo Susanna Mariotti
Periodo: dal 2 agosto al 2 settembre; Giorni: Mercoledì – Sabato; Orario: dalle 16,00 alle 18,00
PONTE DI LEGNO
Centro Sanitario Piazzale Europa
Micologo Daniele Camiciotti
Periodo: dal 31 luglio al 25 agosto; Giorni: Lunedì – Mercoledì – Venerdì; Orario: dalle 17,30 alle 19,00
EDOLO
Biblioteca Civica Via Porro, 77
Micologo Susanna Mariotti
Periodo: dal 1 al 27 agosto; Giorni: Martedì – Giovedì – Domenica; Orario: dalle 18,00 alle 19,00
Micologo Sandra Biondi – Tel. 0364.329385 – 329395
Micologo Bonifacio Valter Vangelisti – Tel. 0364.540254 – 329395
Micologo T.d.P. Luciano Belotti – Tel. 0364.329325 – 329395
Micologo T.L. Alessandra Saviori – Tel. 0364.329365 – 329395
VEZZA D’OGLIO
Casa del Parco dell’Adamello Via Nazionale, 132
Micologo Daniele Camiciotti
Periodo: dal 1 al 26 agosto; Giorni: Martedì – Giovedì – Sabato; Orario: dalle 17,30 alle 19,00
I micologi dell’A.T.S. della Montagna – Distretto di Vallecamonica svolgono attività di ispettorato e consulenza micologica per tutto l’anno e su tutto il territorio di competenza, previo appuntamento telefonico in orario d’ufficio, dal lunedì al venerdì.
ART. 6 – DESTINAZIONE DEGLI INTROITI
I proventi derivanti dai permessi di cui all’art. 5 e quelli derivanti dalle sanzioni di cui all’art. 8, in seguito a delega espressa con
apposita convenzione sottoscritta dai Comuni, sono introitati per conto dei Comuni dalla Comunità Montana di Valle Camonica,
la quale tratterrà le somme utili alla copertura delle spese generali per il servizio di quantificazione e raccolta dei contributi, per la
stampa dei manifesti divulgativi e promozionali del presente Regolamento e per l’organizzazione di corsi micologici specifici e di
iniziative didattiche; le somme rimanenti verranno annualmente liquidate ai singoli Comuni, in proporzione alla superficie boscata
totale così come quantificata nel Piano di Indirizzo Forestale e riportato nella tabella in calce.-
Su richiesta dei Comuni, i proventi potranno essere liquidati al Consorzio Forestale di appartenenza, il quale dovrà redigere
annualmente in accordo con le Amministrazioni Comunali un progetto di iniziative, che dovrà ricevere il nulla-osta da parte della
Comunità Montana. Le iniziative dovranno essere eseguite entro 12 mesi ed essere debitamente rendicontate alla Comunità
Montana.
I contributi dovranno comunque essere utilizzati in conformità alle disposizioni di cui al comma 1, art. 104, della L.R. 31/08 e s.m.i.
e, in particolare, alle seguenti attività previste dall’allegato 1) alla DGR X/3826 del 24/07/2015:
a) interventi di miglioramento ambientale sul territorio, tutela del patrimonio boschivo e della biodiversità e valorizzazione delle
risorse naturali;
b) attività di informazione concernente aspetti della conservazione e tutela ambientale, nonché attività didattiche in materia
ambientale e micologica;
c) interventi di trattamento e governo del bosco volti al miglioramento della produzione fungina;
d) ripristino e miglioramento di strade V.A.S.P. esistenti, nonché sistemazione e manutenzione dei sentieri;
e) prevenzione degli incendi boschivi;
f) espletamento delle funzioni di vigilanza;
g) espletamento di funzioni amministrative.-
ART. 7 – VIGILANZA
La vigilanza sull’applicazione e sul rispetto del presente Regolamento è affidata agli agenti del Corpo Forestale dello Stato, alla
Polizia Provinciale, agli organi di polizia locale montana e rurale, alle Guardie Ecologiche Volontarie di cui alla L.R. 28.02.2008,
n. 9 “Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica” ed ai dipendenti della Comunità Montana, della Provincia, dei
Comuni e degli Enti di gestione in possesso della qualifica di agenti di polizia giudiziaria.-
ART. 8 – SANZIONI
Per quanto concerne le violazioni del presente Regolamento si applicano integralmente quelle previste dall’art. 110 della L.R.
31/08 e s.m.i. e, all’interno del Parco dell’Adamello, quelle previste dal Titolo III “Sanzioni amministrative” della L.R. 86/83.-
ART. 9 – ORARIO DI RACCOLTA
La raccolta dei funghi è consentita dall’alba al tramonto
ART. 10 – RACCOLTA NEL PARCO REGIONALE DELL’ADAMELLO
1) La raccolta dei funghi nel territorio del Parco Regionale dell’Adamello, è regolamentata come segue:
- è vietata nella Zona di Riserva Naturale Integrale “Val Rabbia e Val Gallinera”, nelle Zone di Riserva Naturale Orientata
“Alto Cadino-Val Fredda”, “Lago d’Arno” e “Val Gallinera-Aviolo”, nella Zona di Riserva Naturale Parziale Morfopaesistica e
Biologica “Adamello”, nelle Zone di Riserva Naturale Parziale Biologica “Torbiere del Tonale” e “Torbiere di Val Braone”.
- nel restante territorio del Parco dell’Adamello la raccolta dei funghi è regolamentata come prescritto dal presente Regolamento.
2) Il presente Regolamento viene adottato quale Regolamento d’Uso ai sensi degli artt. 11 e 32 delle Norme Tecniche di
Attuazione del Piano Territoriale di Coordinamento del Parco Regionale dell’Adamello approvato con D.G.R. 24 marzo 2005
n° 7/21201 e modificato con D.G.R. n. 1403 del 21/02/2014 e ai sensi dell’art. 6, comma 1, lett. b) del Piano Territoriale di
Coordinamento del Parco Naturale dell’Adamello approvato con D.C.R. 22 novembre 2005 n° 8/74.
ART. 11 – PROCEDURE NEL PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO
La raccolta dei funghi nel territorio del Parco Nazionale dello Stelvio (parte del territorio dei Comuni di Ponte di Legno, Temù, Vione e Vezza d’Oglio) non soggiace alle disposizioni del presente Regolamento ma a specifiche norme dell’Ente gestore del Parco.
ART. 12 – ENTRATA IN VIGORE
1) Il presente Regolamento entra in vigore dopo l’esecutività della Deliberazione di approvazione da parte dell’Assemblea della
Comunità Montana di Valle Camonica, e previa pubblicazione per 15 giorni all’albo pretorio della Comunità Montana, ed è
vincolante per tutti i Comuni aderenti;
2) Le modifiche del costo del contributo di cui all’art. 5 del presente Regolamento potranno essere approvate con Deliberazione
di Giunta Esecutiva della Comunità Montana .-
ART. 13 – NORME TRANSITORIE
Al fine dell’applicazione del presente Regolamento per tutto quanto in esso non espressamente indicato si applicano le norme della
Legge 23 Agosto 1993 n° 352 e della Legge Regionale 31/08 e s.m.i..-
ELENCO COMUNI ADERENTI AL REG. COMPRENSORIALE PER LA RACCOLTA DEI FUNGHI EPIGEI
Angolo Terme, Artogne, Berzo Demo, Berzo Inferiore, Bienno, Borno, Braone, Breno, Capo di Ponte, Cedegolo, Cerveno, Ceto,
Cevo, Cimbergo, Cividate Camuno, Corteno Golgi, Darfo Boario Terme, Edolo, Esine, Gianico, Incudine, Losine, Lozio, Malegno,
Malonno, Monno, Niardo, Ono S. Pietro, Ossimo, Paisco Loveno, Paspardo, Pian Camuno, Piancogno, Ponte di Legno, Prestine,
Saviore dell’Adamello, Sellero, Sonico, Temù, Vezza d’0glio, Vione.
DISPOSIZIONI APPLICATIVE AL REGOLAMENTO
Modalita di raccolta
a) la raccolta è consentita in maniera esclusivamente manuale, senza l’impiego di alcun attrezzo ausiliario, fatta salva
l’asportazione dei corpi fruttiferi di Armillaria mellea (Chiodino) per i quali è consentito il taglio del gambo;
b) è obbligatoria la pulitura sommaria sul luogo di raccolta dei funghi riconosciuti eduli; non sussiste pertanto l’obbligo di pulitura
per gli esemplari da sottoporre al riconoscimento degli ispettori micologici;
c) è vietata la raccolta, l’asportazione e la movimentazione dello strato umifero e di terriccio in genere;
d) è vietata la raccolta di funghi decomposti;
e) è vietata la raccolta di ovuli chiusi di Amanita caesarea;
f) è vietato l’uso di contenitori di plastica per il trasporto;
g) è obbligatorio l’uso di contenitori idonei a favorire la dispersione delle spore durante il trasporto (cesti in vimini);
h) è vietata la raccolta negli ambiti di riserve integrali, orientate, parziali biologiche così come individuate nel Piano Territoriale di
Coordinamento del Parco Regionale dell’Adamello.
MODALITÀ DI PAGAMENTO
Con riferimento all’art. 5 del Regolamento il versamento a favore della Comunità Montana di Valle Camonica dovrà avvenire
in uno dei seguente modo:
1. Bollettino di c/c postale n. 17669250;
2. Bonifico bancario – Codice IBAN: IT 19 Z 03244 54160 000000036866
Banca di Valle Camonica, Tesoreria della Comunità Montana – Agenzia di Breno;
3. Acquistando i permessi (solo giornalieri e settimanali) presso i sotto elencati esercizi.
Si rammenta che i versamenti di cui ai punti 1-2 devono indicare espressamente nella causale il giorno o il periodo di
riferimento in cui si intende raccogliere i funghi.
Albergo Rist. Legazzuolo Artogne – Montecampione
Cons. Alpiaz Monte Campione Artogne – Montecampione
Miky Bar Berzo Demo
Rifugio Loa Berzo Demo
Ristorante Vivione Berzo Demo – Loc. Forno Allione
Bar Caffe’ Mazzini Bienno
Bar Aurora Borno
Bar Trattoria “Navertino” Borno
Blumon Gest SNC Breno – Loc. Gaver
Locanda Albergo Gaver Breno – Loc. Gaver
Locanda “Nido d’Aquila” Breno – Astrio
Ristorante “Il Bracconiere” Breno – Loc. Degna
Caffett. Pasticceria Synthony Capo di Ponte
Tysia – Bar Capo di Ponte
Alimentari Fanetti Cedegolo
Bar Baraonda Cedegolo
Bar “Stop And Go” Cedegolo
Caffè La Piazzetta Sas Cedegolo
Euro Bar Snc Cedegolo
Bar Paninoteca “Lip E Lap” Cevo
Albergo Castello Cimbergo
Bar Centrale Cimbergo
Tabaccheria Edicola Cimbergo
Bar Da Lucia Corteno Golgi – Fraz. S. Antonio
Rifugio Alpini “Campovecchio Corteno Golgi
Ristoro “Il Pescatore” Corteno Golgi – Fraz. S. Pietro
Bar Jolly Edolo
Bar Joker Cafè Edolo
Bar Moderno Edolo
Bar Sport Edolo
Bar Touring Edolo
Autogrill Hetta Esine
Bar Ristorante al Resù’ Lozio
Break Bar Malegno
Caffè’ Balì’ dal 1964 Malegno
Alimentari Bar Di Calzaferri Malonno – Fraz. Loritto
Bar “La Tazzina” Malonno
Salvetti Forneria Pasticceria Malonno
Società Agricola F.lli Antonioli Monno
Albergo “Belvedere” Monno
Bar Il Gatto Nero Monno
Rifugio Lago del Mortirolo Monno
Ristorante “San Giacomo” Monno
Ristorante “Passo Mortirolo” Monno
Bar Trattoria Pace Ossimo Inferiore
Bar Stua Ossimo Superiore
Bar Trattoria “Al Giardino” Paisco Loveno
Bar Manu Pian Camuno
Bar Market Pian Camuno – Fraz. Solato
Caffè Balì Dal 1964 Piamborno
Tabaccheria Jole Ponte di Legno
Tabacc. – Ricevitoria Zampatti Ponte di Legno
Il Semprevivo Bar & Alloggi Prestine – Loc. Campolaro
Ristorante “Belvedere” Prestine – Loc. Campolaro
Albergo Rist. Stella Alpina Saviore dell’Adamello – Loc. Fabrezza
Dany Bar Saviore dell’Adamello – Fraz. Valle
La Dolce Vita Saviore dell’Adamello – Fraz. Valle
Ristorante Grazioli Sellero
Pizzeria Il Cacciatore Sellero
Bar Wash Sonico
Pasticceria Formis Antonella Sonico
Rifugio Val Malga Sonico
Camping Presanella Temù
Rifugio “Alla Cascata” Vezza D’Oglio
Forneria Pasticceria Salvetti Vezza D’Oglio
Trattoria Cavallino Vione – Fraz. Cané
Snack Bar Casale Provaglio d’Iseo
Essetiesse Srl Casa Del Parco dell’Adamello – Cevo
Pro Loco Valsaviore Cevo
IAT Edolo Edolo
Comune di Paisco Loveno Paisco Loveno
IAT Ponte di Legno Ponte di Legno
Pro Loco Temù Temù
Ass. Pro Loco Vezza D’Oglio Vezza D’Oglio
Casa del Parco dell’Adamello Vezza D’Oglio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136