QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Valle Camonica: morto il cerbiatto ritrovato solo nei boschi sopra Malonno

domenica, 1 giugno 2014

Malonno – Il piccolo cerbiatto ritrovato nei giorni scorsi in Alta Valle Camonica è morto. Nonostante le cure prestato dal Centro del Parco dell’Adamello il cucciolo non ce l’ha fatta.

Troppo piccolo e soprattutto non poteva stare lontano dalla mamma dopo pochi giorni. Il piccolo Bambi era stato ritrovato in settimana da escursionisti, in Alta Valle Camonica; subito contattato il Corpo forestale e la Guardie venatorie della Provincia perché non riusciva a camminare. Trasportato al Centro del Parco dell’Adamello è stato accudito con cura, ma dopo pochi giorni è morto. Secondo gli esperti del Centro il cucciolo non è sopravvissuto, perché ancora troppo giovane per allontanarsi dalla madre.capriolo femmina 1

Dal Centro Faunistico del Parco dell’Adamello fanno inoltre sapere che “in questo periodo, soprattutto nella zona di maggior presenza di cervi e caprioli, non è raro in questo periodo, dalla metà di maggio alla fine di giugno, incappare in piccoli ungulati di pochi giorni di vita e vedendoli soli credere che siano stati abbandonati dalla madre. È importante sapere che la madre si allontana solo temporaneamente dal piccolo, per distrarre eventuali potenziali predatori o per alimentarsi, e che si riavvicina subito dopo la fine del disturbo oppure non appena garantiti i bisogni primari. Toccare o prelevare i piccoli significa renderli irriconoscibili alla madre e quindi condannarli ad una morte certa. Per proteggere gli animali, è importante limitarsi a verificare che non siano feriti osservandoli in silenzio da debita distanza e tenere i cani al guinzaglio».

La zona dove c’è maggior presenza di cervi e caprioli è sicuramente tra Edolo e Ponte di Legno. Infine chi avvisata animali in difficoltà può contattare i servizi faunistici provinciali allo 030/3748011 o il Corpo Forestale dello Stato al numero 1515.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136