QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Conferenza dei sindaci Asl, elezione irregolare di Polonioli: i retroscena e il voto da rifare

mercoledì, 11 novembre 2015

Esine (Fra. Col.) – Colpo di scena nell’elezione di Gianbettino Polonioli a presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Asl Vallecamonica e Sebino. La seduta del 6 agosto – quando vennero eletti Giambettino Polonioli (nella foto sotto), sindaco di Cimbergo, a presidente della Conferenza dei Sindaci, Luca Masneri, sindaco di Edolo, a Vice Presidente, e Luca Romani, vice sindaco del Comune di Pisogne a componente del Consiglio di Rappresentanza della Conferenza dei Sindaci – sarebbe infatti “viziata da irregolarità”, come da relazione del direttore generale dell’assessorato alla Sanità di Regione Lombardia, Walter Bergamaschi, sotto riportata.

Ora si attendono le decisioni delle conferenza e è fortissimo il rischio di una paralisi degli organi rappresentativi della sanità in Valle Camonica è dietro l’angolo.esine

LA VALUTAZIONE 

“Preso atto delle censure rappresentate dalla lista ALPES – Gruppo Civico dei Sindaci – Comunità Montana della Valle Camonica, che si riferiscono alla successiva seduta del 6 agosto 2015, si ritiene fondamentale evidenziare che la sfiducia del Presidente Fenini votata nella seduta precedente del 17 luglio non è stata validamente espressa.

Il Regolamento Regionale 1/98 infatti, all’articolo 3, comma 7, prevede che la mozione di sfiducia nei confronti del Presidente e del Vice Presidente venga posta in votazione con le stesse modalità previste per l’elezione del Presidente, ovvero con votazione segreta come previsto dal comma 2 del medesimo articolo. Quanto sopra determina, a parere della scrivente Direzione, che la mozione di sfiducia non sia stata validamente approvata con la conseguente permanenza in carica del Presidente Fenini e la caducazione di tutti gli atti successivi posti in essere sul presupposto errato della sua sfiducia”.

Gianbettino_polonioli Cimbergo

GLI ATTI NULLI 

“Tra questi atti rientra la convocazione della seduta del 6 agosto ed i provvedimenti adottati in quella sede. In aggiunta a ciò si riscontra peraltro che le stesse modalità di convocazione della seduta del 6 agosto, pur rispettose dell’articolo 4, comma 4, del Regolamento regionale 1/98 nella parte in cui prevede che nell’avviso di convocazione siano indicati il giorno e l’ora della seconda convocazione, non ne hanno peraltro osservato il disposto dell’articolo 7, comma 4, nella parte in cui si prevede che la seconda convocazione non possa avvenire prima di 48 ore dalla seduta andata deserta. Quanto sopra esposto si rappresenta a codesta Azienda, sul presupposto che la Conferenza dei sindaci è ai sensi dell’art. 1, comma 2, del Reg. Reg. 1/98 “organismo dell’ASL”, per l’adozione dei provvedimenti di competenza”.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136