QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: Legambiente all’attacco, chiede di superare le emergenze ambientali

venerdì, 28 marzo 2014

Breno – Una valle più pulita e senza emergenze ambientali. E’ la proposta della sezione camuna di Legambiente che ha preso carta e penna e chiesto agli amministratori locali, Anas, Provincia, Regione e Governo di rimettere un po’ d’ordine in Valle Camonica. Il primo punto: contro gli scempi in Valle, dal caso dell’ex Selca di Forno Allione ai rifiuti gettati per la strada.

SelleroSecondo Legambiente il degrado ambientale cui si assiste e di cui i rifiuti tossici di Berzo Demo sono solo l’ultimo esempio balzato alle cronache. Altri casi: le ferriere di Pisogne e Gianico, oltre alle aree dismesse dove i materiali di scarto sono stati “utilizzati per riempire e spianare”. L’altro aspetto negativo è rappresentato dai rifiuti abbandonati lungo le strade più o meno battute dai camuni: uno scempio che denota mancanza di civiltà quando in ormai tutti i Comuni è attiva la raccolta differenziata. Le proposte di Legambiente camuna è sistemare e ripulire le aree e i bordi delle strade, in particolare la statale 42 del Tonale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136