QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: la polizia provinciale immortala un nido di cinghiali nei boschi tra Edolo e Monno

mercoledì, 11 marzo 2015

Monno – Nei boschi tra Monno ed Edolo, in provincia di Brescia, sono stati immortalati dagli agenti della Polizia Provinciale di Brescia, in servizio in Alta Valle Camonica, quattro cinghiali di poche settimane. Il nido è stato rinvenuto nei boschi ad un’altitudine di circa mille metri e distanti dagli abitati.

Le immagini diurne e notturne e un video di circa un minuto, realizzato dalla Polizia provinciale di Brescia, offre un quadro sulla presenza dei cinghiali nei boschi dell’Alta Valle CamNido Cinghiali Edolo - Monno 1onica, e sulla loro proliferazione.

Negli ultimi anni – anche con il piano portato avanti dal parco dell’Adamello – la presenza dei cinghiali è diminuita rispetto al passato. Infatti dal 200o è stata riscontata la presenza di cinghiali in Valle Camonica, forse legata più alla presenza di immissioni illegali a scopo venatorio che non alla naturale espansione dell’arale di distribuzione del suide dal settore  occidentale della Provincia di Bergamo (Valle Cavallina).

A sostegno dell’ipotesi relativa all’immissione di soggetti a scopo venatorio viene evidenziato che i  primi casi accertati di riproduzione del cinghiale sono stati riscontrati nel settore sud occidentale bassa valle Camonica e zona lago di Iseo.

Ora la polizia provinciale ha scoperto un nido di cinghiali, il primo dopo anni, e nei prossimi mesi saranno tenuti sotto controllo gli spostamenti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136