QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: intoppi sul nuovo bivacco Giannantonj, ma “resta una priorità”. Nuovo bivacco alle Dolomiti Camune

venerdì, 31 luglio 2015

Lozio – Causa le recenti normative antisismiche, la struttura realizzata dalla ditta Albertani di Edolo e progettata per sostituire il bivacco Ginnantonj non potrà essere installata al Passo Salarno. Verrà posizionata in territorio di Lozio lungo il Sentiero n.6. Ma il Presidente della Comunità Montana conferma: il Giannantonj resta una priorità. Pronti a partire i lavori di manutenzione.giannantonj

Si è riunito presso la Comunità Montana di Valle Camonica il Comitato Tecnico che raccoglie tutti i soggetti interessati alla sostituzione del Bivacco Giannantonj, nei pressi del Passo Salarno, a 3169 metri di altitudine, ai margini del ghiacciaio dell’Adamello. La decisione è di non procedere all’installazione del nuovo bivacco.

Il motivo è la recente variazione del livello di rischio sismico della Valle Camonica (da 2 a 3), che impone l’obbligo di una rivisitazione radicale del sistema di ancoraggio del manufatto già realizzato e quindi una struttura completamente rinnovata.

La struttura realizzata dalla Ditta Albertani di Edolo verrà posizionata a Lozio, lungo il sentiero numero 6, all’interno del costituendo PLIS delle Dolomiti Camune, a Mandrie Ege, 1906 metri di altitudine. Il sentiero numero 6 sarà dunque più raggiungibile (9 ore senza punti di ospitalità).

Il presidente della Comunità Montana Oliviero Valzelli ha positivamente commentato la nuova dislocazione del manufatto, ma ha condiviso la necessita di procedere alla realizzazione in tempi brevi del nuovo Bivacco Giannantonj.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136