QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Valle Camonica: il Governo fa retromarcia, la maggior parte dei Comuni esenti dall’Imu su terreni agricoli

sabato, 24 gennaio 2015

Breno – Un colpo di scena a tre giorni dalla data fissata per il pagamento dell’Imu sui terreni agricoli. Infatti sono esenti dal pagamento – come deciso ieri da un Consiglio dei Ministri straordinario – tutti i Comuni al di sopra dei 200 metri e inoltre il pagamento è slittato al 10 febbraio. Il Decreto legge contenente misure urgenti in materia di esenzione Imu che va a ridefinire i parametri precedentemente fissati, ampliandone la platea. Il testo prevede che a decorrere dall’anno in corso, 2015, l’esenzione dall’imposta municipale propria (IMU) si applica: a terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, ubicati nei Comuni classificati come montani, secondo quanto predisposto dall’Istat. Ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatoridiretti e dagli imprenditori agricoli professionali, italiani predisposto dall’Istat.

In Valle Camonica dove si era creato anche un problema tra Comuni confinanti la platea degli esenti si è allargata. In particolare: sono stati inseriti la maggior parte della Bassa Valle, da Angolo Terme e Costa Volpino, tutti quelli della Media Valle. Alcuni Comuni della Valle – tra cui Sellero – hanno già comunicato di “essere stati inseriti tra i Comuni montani” quindi non deve essere effettuato il versamento. In ogni caso chi ha già versato e il Comune – dalla decisione del Consiglio dei ministri di ieri – è stato inserito in zone montane avrà la restituzione da parte del Comune.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136