QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: Blue Tongue, Piano di vaccinazione degli Ovini dell’Ats della Montagna

mercoledì, 14 giugno 2017

Sondrio – La febbre catarrale degli ovini, più comunemente nota come Blue Tongue, è una malattia infettiva non contagiosa dei ruminanti, trasmessa da insetti vettori ematofagi. La Blue Tongue non è una zoonosi e pertanto non esiste alcun pericolo di trasmissione all’uomo, né per contatto, né attraverso il consumo del latte e della carne. L’infezione è caratterizzata da una sintomatologia molto grave negli ovini con febbre, scolo nasale, edema della testa e congestione delle mucose della bocca. Nei casi più gravi la lingua, ingrossata e cianotica, fuoriesce dalla bocca, da qui il nome di lingua blu dato alla malattia.

Poiché la vaccinazione rappresenta l’unico strumento di protezione dalle manifestazioni cliniche, si è reso necessario attivare, un piano di vaccinazione nei confronti del sierotipo BTV – 4 nel territorio della Regione Lombardia, utilizzando i vaccini inattivati registrati presso il Ministero della Salute in modo da:
a) proteggere dalla forma clinica il patrimonio ovino del territorio regionale evitando così i danni diretti derivanti dalla malattia
b) contrastare la circolazione virale
c) consentire la movimentazione intra regionale e extraregionale degli animali delle specie sensibili
E’ stata così disposta la vaccinazione obbligatoria:
• dei capi della specie ovina
• dei capi della specie caprina conviventi con gli ovini dei greggi vaganti

La vaccinazione volontaria:

• dei capi della specie bovina, bufalina e dei caprini non oggetto di vaccinazione obbligatoria
L’acquisto, lo stoccaggio e la distribuzione dei vaccini è a carico dell’ATS della Montagna, mentre le spese per le operazioni di vaccinazione sono a carico degli allevatori.

La distribuzione del vaccino è quindi gratuita e avviene inizialmente solo per il territorio
della Valle Camonica, già sede di focolaio, presso la sede Distrettuale di Breno in orario d’ufficio dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30 e il lunedì, il mercoledì e il giovedì dalle ore 13.30 alle 15.30.

La consegna delle dosi avverrà dietro presentazione di idonea documentazione in possesso dei veterinari libero professionisti presenti sul territorio della Vallecamonica – Sebino.

Fatta salva la libera scelta del veterinario libero professionista da parte dell’allevatore, ai fini della complessiva efficacia della campagna vaccinale, l’ATS della Montagna ha incaricato i liberi professionisti, già operativi per la bonifica sanitaria degli allevamenti, di proporre la vaccinazione agli allevatori, con oneri economici da regolarizzare direttamente fra gli stessi.

Questi sono così previsti dal Decreto regionale n. 2929 del 17/03/2017: €. 2,00/capo, comunque con un importo non inferiore a €. 20,00 per accesso in allevamento, + IVA, se dovuta, e ENPAV. Per ulteriori informazioni è comunque possibile telefonare al n. 0364/329415 in orario d’ufficio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136