QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: allerta incendi anche per i prossimi giorni

domenica, 12 marzo 2017

Valle Camonica –  Allerta incendi, il pericolo rimane ma è in flessione. La Sala operativa della Protezione civile regionale, la cui attività è coordinata dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, ha confermato l’avviso di moderata criticità (codice arancione) per rischio incendi boschivi, per la giornata di odierna, sulle zone del Mella - Chiese: Unione delle Comunità Montane di Valle Camonica, Valle Trompia e Val Sabbia.ponte-di-legno-incendio-0

IL METEO - L’ingresso sulla regione di aria più fredda e umida tra il pomeriggio di oggi e la mattina di domani favorirà un generale abbassamento del grado di pericolo. Tuttavia, nella giornata di martedì 14 l’assenza di precipitazioni, la ventilazione settentrionale sui rilievi e un aumento delle temperature massime potranno determinare un grado di pericolo stazionario o in leggero aumento. Le previsioni meteorologiche sono a cura di ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente) Lombardia – Servizio Meteorologico Regionale (SMR).

INDICAZIONI OPERATIVE – In conseguenza dell’assenza di precipitazioni in atto e prevista per i prossimi giorni e degli incendi boschivi segnalati in questi giorni, si raccomanda di mantenere le azioni di sorveglianza e pattugliamento del territorio che dovranno riguardare prevalentemente i Comuni ricadenti nelle classi di rischio 3, 4 e 5 del Piano regionale delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi.
Si segnala che è attivo il “periodo ad alto rischio di incendio boschivo” fino a revoca. Vige pertanto il divieto assoluto di accendere fuochi nei boschi o a distanza da questi inferiore a cento metri, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, motori, fornelli o inceneritori che producano braci o faville, gettare mozziconi accesi al suolo e compiere ogni operazione che possa creare pericolo di incendio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136