QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valle Camonica, al via il progetto “P-Iris” a sostegno dei giovani nelle aree rurali

giovedì, 13 luglio 2017

Breno - La Valle Camonica e il progetto “P-Iris” per rafforzare l’innovazione e sostenere i giovani nelle aree rurali. Le giovani generazioni stanno abbandonando le zone rurali per la mancanza di occasioni professionali che incontrano le loro aspirazioni. È reale quindi il bisogno di rafforzare i processi di innovazione nelle aree rurali per creare terreno fertile per imprese creative e all’avanguardia, che offrano interessanti opportunità di lavoro per giovani istruiti.
Paspardo 0
Sei partner dalla Croazia, Finlandia, Italia, Norvegia, Slovenia e Spagna hanno lanciato il progetto europeo P-IRIS “Policies to improve rural areas’ innovation systems by professionalising networking activities and use of innovation tools”. La partnership è guidata dalla norvegese Contea di Sogn og Fjordane. Il progetto, della durata di 4 anni mezzo (gennaio 2017-giugno 2021), è finanziato nell’ambito del programma Interreg Europe, che aiuta i governi locali e regionali di tutta Europa e sviluppare e migliorare le proprie strategie attraverso lo scambio di esperienze e l’applicazione di strumenti innovativi.

Il progetto ruota intorno al come sviluppare nelle aree rurali una cooperazione tra mondo della ricerca, delle imprese, delle pubbliche istituzioni e della società civile, per stimolare l’innovazione e incrementare il numero di progetti innovativi che riescono ad includere ricerca e sviluppo e ad essere più competitivi, incrementando le possibilità di occupazione.

Sono previste aree pilota in ogni nazione, sulle quali attivare un percorso di coinvolgimento degli attori locali. Caso pilota su cui costruire e implementare il Piano di azione in Italia – Regione Lombardia – è la Valle Camonica, che ha un sistema imprenditoriale con caratteristiche simili alle aree interne e rurali degli altri partners, e la cui capacità di innovarsi si scontra con barriere legate alla scarsa accessibilità e alla mancanza di strumenti di supporto alle reti di cooperazione con il mondo della ricerca e delle istituzioni.

Il focus territoriale sulla Valle Camonica prevede in particolare un miglioramento a valere sulle azioni future sull’Asse 1 del POR FESR 2014-2020 (con possibili contaminazioni anche dell’Asse 3 e 6) e vedrà il coinvolgimento di Regione Lombardia e in particolare delle DG con competenze dirette sulle Aree Interne, la S3, l’Impresa e l’Autorità Ambientale.

Il dialogo con il territorio è già iniziato e il 21 giugno 2017 si è tenuto il primo incontro presso la Comunità Montana di Valle Camonica, nell’ambito del Comitato Promotore per il riconoscimento di Valle Camonica come area MAB Unesco, quale esempio di gruppo coordinato che comprende mondo della ricerca, delle imprese, delle pubbliche istituzioni e della società civile.

Cuore del progetto è lo scambio di esperienze tra partners grazie alle visite di studio semestrali e all’organizzazione di seminari tematici nei Paesi del partenariato. Le conoscenze acquisite verranno poi trasferite a livello locale. Tutto questo per la costruzione di un Piano di azione locale che nasca dalle buone pratiche di livello europeo da un lato e dai fabbisogni emersi dall’analisi territoriale dall’altro, e che si proponga di dare indicazioni per l’orientamento delle politiche in tema di innovazione in area rurale anche grazie agli strumenti di finanziamento indicati. Nella seconda fase di progetto sarà implementato dal Piano di Azione e monitorata la sua attuazione.

Poliedra, Centro di servizio e consulenza del Politecnico di Milano, è attore del progetto per la Lombardia e fornitore di metodologia e know-how sul coinvolgimento degli attori locali anche a servizio degli altri partner di progetto. La prima visita studio si è tenuta in occasione del Kick-off meeting in Norvegia, organizzato dalla Contea di Sogn og Fjordane il 25-26 Aprile. Durante i lavori, sono stati presentati alcuni network o business di impresa che nel territorio locale sono noti per il loro spiccato processo di sviluppo teso all’innovazione. Il prossimo meeting di progetto è invece previsto il 20-21 settembre, ospite la Società di sviluppo della Provincia di Burgos.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136