QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Valeria Ghezzi (presidente Anef): “L’innevamento programmato una soluzione indispensabile per l’economia della montagna”

giovedì, 18 dicembre 2014

Aprica – Spesso si sente parlare, dichiara la Presidente di Anef Valeria Ghezzi, tra l’altro senza avere le opportune conoscenze,  dei danni che la neve artificiale produce al territorio e all’ambiente, con l’effetto di generare un’infondata preoccupazione nell’opinione  pubblica.impianti innevamento artificiale

E’ opportuno  invece sapere che la neve artificiale,  che non è altro  che una miscela di  acqua e aria, ha permesso negli ultimi 20 anni di salvare  l’economia  di tante stazioni sciistiche garantendo il prodotto non solo agli impiantisti, ma assicurando la sopravvivenza di tutta la filiera del turismo montano. Esiste poi un altro aspetto critico sul quale fare una considerazione e riguarda l’eccessivo consumo delle risorse idriche per il quale è indispensabile evidenziare che con lo scioglimento della neve in primavera  l’acqua utilizzata viene poi restituita  ai bacini di provenienza.

In un momento di grave crisi  come quello che stiamo attraversando,  è evidente come l’economia della montagna dipenda in gran parte  dagli  investimenti anche ingenti che gli esercenti funiviari sono costretti a compiere per potenziare soprattutto gli impianti d’innevamento. E’ necessario quindi che la disponibilità degli operatori ad investire sia supportata anche dalle istituzioni attraverso la concessione di maggiori autorizzazioni, di minore burocrazia, ma anche, visto il ruolo fondamentale per la filiera, di un sostegno economico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136